Per Ingroia siamo tutti mafiosi

Oggi leggevo questo post di Phastidio che riporta le affermazione allarmanti del candidato premier Ingroia del movimento Rivoluzione Civile.

A parte la solita storiella della cancellazione di imposte sui meno abbienti e la caccia ai grandi patrimoni dei ricchi cattivi, ci sono delle argomentazioni sui metodi di contrasto dell’evasione che sono semplicemente terrificanti.

Qui l’estratto da Ballarò

Il metodo Ingroia

  • Si abbassano le garanzie poiché tanto si agisce sui patrimoni e non sulle persone fisiche
  • Si applicano sui i patromoni privati le stesse regole con cui sono trattati i patrimoni dei mafiosi
  • Si incrociano i dati (quali?)
  • Si sequestrano “preventivamente” i beni se si presume (presume) che la persona ha evaso
  • Il cittadino é colpevole fino a prova contraria
  • Il cittadino ha il diritto di dimostrare la sua innocenza (grazie) portando le prove che l’accertano

Faccio una certa fatica a capire su quali principi di giustizia si appoggiano le idee di Ingroia. Questi metodi esistono solo nei regimi totalitari e me ne preoccupo di conseguenza. Cosa vuol dire Giustizia se un cittadino deve prima di tutto dimostrare di non essere come un mafioso? Perché io sono colpevole a prescindere e invece esiste l’evidenza che chi mi accusa è colpevole di furto nei miei confronti? (I due, forse, stipendi pubblici di Ingroia)?

Perché in Italia le novitá sono sempre cosí deludenti?

 

 



          
Ver. 1.3
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *