Signora mia, gli stranieri ci stanno comprando a pezzettini. Ah sí, da quando, scusi?

investimenti_esteri_russiaC’é chi dice che gli stranieri si stanno comprando a pezzi l‘Italia, che arrivano e si comprano tutto. E’ un discorso di moda perché come sempre si crede che il protezionismo sia la via per preservare il benessere dei cittadini. Io ho creduto per un certo periodo che effettivamente ci si dovesse concentrare sulle questioni interne e aiutare esclusivamente le aziende Italiane perché é lavoro locale.  Crescendo (forse) e imparando (forse) quello che uno realizza é che l’unico benessere possibile per i cittadini é avere la possibilitá di lavorare per raccogliere qualche onesto e decente risparmio per crescere la propria famiglia ed avere una vita in sicurezza. Ovviamente la sicurezza non é solo economica ma deve venire anche da un sistema pubblico sano che dia la possibilitá a tutti di avere un’assistenza sanitaria, un’istruzione e un aiuto temporaneo per la disoccupazione. Tutte queste belle cose nonostante per molti siano un diritto universale sono purtroppo valide solo se il sistema pubblico raccoglie abbastanza risorse (ma non troppe) con la tassazione e quindi se il sistema economico (e capitalistico) alle spalle é sano. Non esiste la creazione di ricchezza al di fuori della produzione di beni o servizi (mi spiace). Non si puó credere che il benessere si possa creare stampando moneta come qualcuno vuol far credere. Serve lavoro per avere tasse e soldi pubblici da spendere (in modo efficiente) nei servizi per i cittadini. Tutto il resto é filosofia. La decrescita forse rende felici ma non crea servizi pubblici e quando sono ammalato preferisco curarmi in un ospedale piuttosto che con un semplice sorriso.

Sulla base di queste semplici considerazioni non importa se si lavora per un’azienda straniera o per una Italiana, l’importante é avere un lavoro sul territorio nazionale. Un eventuale investimento estero in Italia quindi non puó che essere positivo per aumentare il benessere dei cittadini. A me che importa se lavoro per un’azienda Italiana o cinese? Questo concetto é peró spesso ignorato e molti insistono nell’affermare che le aziende estere investono in Italia per comprare le aziende locali e trasferirle all’estero. Sará vero?

Se qualcuno crede in queste dicerie consiglio di leggere questo interessante post di Mario Seminerio in cui vengono elencati gli investimenti esteri dal 2010-2012 nei diversi paesi Europei.

Signori miei sono numeri non sensazioni.

I dati sono presi da un report annuale redatto della societá di consulenza Ernst&Young  che potete trovare a questo link.

Come si vede tutto é il contrario di quanto si afferma. L’Italia é un paese in cui pochi, quasi nessun capitale estere viene per investire il proprio denaro.

Se si guarda alla classifica si capisce quale falsitá sia il fatto che qualcuno dica che ci stanno comprando.

Questa la classifica redatta da Ernst&Young

FDIEurope

Se per molti questo é positivo non lo é sicurmanete per me anzi. Soprattutto qualcuno deve spiegarmi quale sarebbe il vantaggio. In un periodo di crisi come questo sono proprio gli investimenti esteri quelli che potrebbero migliorare la situazione perché abbiamo poche risorse interne. Lamentarsi che le banche non fanno credito e rifiutare il “credito estero” é semplicemente un controsenso. Il fatto che nessuno si avvicini all’Italia dovrebbe far riflettere sul perché questo capita invece di affermare esattamente il contrario.

La cosa angosciante che appare in questa lista é che l’Italia non appare nemmeno nelle prime 15 posizioni. Non arriviamo nemmeno all’1% degli investimenti. Ma figurariamoci se “ci stanno comprando”.

Abbiamo molti problemi: burocrazia pesante, alta tassazione, inefficienza pubblica, servizi scarsi e questi problemi allontanano gli investitori esteri come si vede.

Unica spesa estera in Italia é per il nostro debito pubblico dei titoli di Stato ma questo non porta nessun vantaggio ai cittadini. Spesso chi dichiara “i saldi” delle aziende Italiane é lo stesso che lamenta l’alta percentuale di debito pubblico in mano ad investitori stranieri. Se proprio si vuole evitare che i soldi esteri comprino il nostro debito pubblico rendendoci prigionieri di una gabbia finanziaria sarebbe opportuno tifare per gli investimenti veri, quelli diretti, che creano occupazione e lavoro. Si preferisce invece come sempre urlare contro tutti indiscriminatamente, verso chi compra solo debito (tanti) e verso chi compra attivitá produttive (quasi nessuno). Nella lista si vede anche l’impatto occupazionale di questi investimenti. Certo non é sempre positivo ma in alcuni paesi ha creato anche un +34% di occupazione fra il 2010 e il 2012. (valore non riferito al totale dell’occupazione ma ai soli investimenti esteri).

Il problema dell’invasione straniera é quindi un’ennesima bufala propagandistica che poco giova all’Italia e crea agli occhi dei cittadini nemici inesistenti.

Ci sará un motivo se non siamo nemmeno nelle prime 15 posizioni per gli investimenti esteri ma come sempre a casa nostra si preferisce trovare nemici ovunque invece di risolvere con giudizio i problemi.

Come scrive Seminerio: state sereni. Al momento siamo e restiamo ben lontani da invasione, colonizzazione e catene (di schiavitú).

 

Letture per il Weekend – 3 Maggio 2014

weekend-reading

Sembra che stiano crescendo le minacce per i device Apple come iPad e iPhone. Nuovi malware in grado di rubare le credenziali dell’utente. Be Foolish but be also carefull. [Link all’Articolo]

Linkiesta indica 5 Apps Android per ascoltare musica gratuita… non ho verificato. provateci voi se interessa e fatemi sapere. [link all’articolo]

I soldi del Blog di Beppe Grillo. Le solite critiche con scarse argomentazioni sul fatto che il M5S serva solo a promuovere il blog di Beppe Grillo. Tutte fandonie che allontanano dal vero problema del blog. Non sono i soldi o la pubblicitá sul sito l’anomalia ma l’ipnosi di massa su teorie complottiste ormai vecchie di decenni che dovrebbe far riflettere [link all’articolo]

 

Letture per il weekend – 12 Aprile 2014

weekend-reading

Il tesoro rende noti i numeri della dichiarazione dei redditi 2012. Direi che gli squilibri fra dipendenti e autonomi continuano ad esserci e soprattutto alcune categorie sono poco credibili.

La Fiat impacchetta le auto di marca straniera dei suoi dipendenti come azione di marketing interno… mah.

Stranamente la bocciatura avviene proprio in questo periodo. Mi chiedo ma a cosa serva il TAR?

Il solito sobrio commento di Seminerio sul DEF di Renzi. La rivoluzione che non c’é. Sono d’accordo, d’altronde che rivoluzione puoi fare senza soldi? Le rivoluzioni costano… sempre.

Il pessimo giornalismo. Se vi siete mai imbattuti in questo articolo sappiate che la fantasia di chi scrive é molto forte. La realtá dietro a questo spot pubblicitario é ben diversa. Sta arrivando un Itakapost specifico sull’argomento. Per il momento confermo che l’Italia si é effettivamente classificata nei primissimi posti ma per “Creative Problem Solving”… che traduco in “L’arte di arrabattarsi in maniera creativa”. Nulla a che vedere con matematica e letteratura né tantomeno con l’educazione scolastica. I test a cui si riferisce il brillante articolo sono per esempio: Usare per la prima volta un lettore Mp3 o comprare un biglietto urbano da una macchinetta automatica senza errori. Che dire, ma dove stanno letteratura e matematica? Lo sa solo il Corriere. Unica certezza é che i ragazzi Italiani sanno “arrabattarsi” e questo non dovrebbe stupirci considerato il paese ma forse non é poi cosí positivo.