Un mondo indebitato: la Grecia non fa numero, il dragone Cinese é troppo esposto e l’Italia non sembra fra tutti la peggiore.

Che l’economia si muova a debito non é una novitá ma che il suo valore sia molto piú alto della ricchezza prodotta é forse un problema. Ho sempre pensato che la vera forza dell’economia Cinese fosse la sua manifattura ovvero un’economia reale non basata sulla “contabilitá finanziaria”. Ho sempre pensato che la Grecia e la sua predisposizione al debito (pubblico) fosse il vero problema Europeo ma poi quando ho visto i numeri dell’intera economia mondiale ho cambiato prospettiva.

La Grecia ha la grande colpa di aver esclusivamente gonfiato l’indebitamento pubblico per distribuire soldi ai privati mentre gli altri paesi mondiali usano il debito come motore per la propria economia. Proprio qui il mio stupore quando ho visto i valori dell’indebitamento cinese. Negli ultimi mesi fra crolli della borsa e stampaggio di moneta la Cina ha iniziato a far vedere che forse il suo “miracolo economico” non é immune da problemi. La cosa piú grave é che forse i suoi problemi sono comuni agli altri paesi ovvero un’economia troppo legata all’indebitamento.

Ero convinto che la Cina fosse immune dai tanti “Virus finanziari” , che la sua forza fosse proprio quella di appoggirasi su un’economia reale e manifatturiera invece che su qualche “fatasia contabile”. La realtá sembra invece molto diversa e la Cina deve la sua crescita ad un forte componente di debito.

Debt per GDP main countries

Qui sopra i primi 4 paesi al mondo come indebitamento rispetto al PIL. I valori tengono conto delle componenti pubbliche, private, finanziarie e industriali. Spicca il Giappone che si indebita 5 volte il suo valore di ricchezza seguito dalla Spagna con 4 volte poi Cina e Stati Uniti.

Se per Spagna, Giappone e USA i numeri non stupiscono, i numeri cinesi sono invece una novitá. La convinzione che avessero in mano la produzione mondiale acquisita grazie alle favorevoli condizioni del loro “potenziale umano” sembra non essere confermata. Nonostante la Cina riesca ad essere il primo paese al mondo come volumi di esportazioni questo non lo salva dall’indebitarsi per poter mantenere questa posizione.

Negli ultimi giorni come é noto la Cina ha nuovamente (per 3 volte in una settimana) svalutato la sua moneta. É chiaro a tutti che la sua corsa sta rallentando e questa svalutazione é fatta principalmente per aiutare la sua economia e per ridurre i propri debiti.

Ma di quali valori di indebitamento stiamo parlando?

Se la Grecia ha scosso l’Europa e il mondo per il suo debito da 300 Miliardi di Euro come dovremmo leggere il debito Cinese di 28200 Miliardi di Dollari? Circa 1000 volte quello Greco.

China Debt growth

Rispetto alla Grecia il debito Cinese ha una componente pubblica del 55% mentre in quello Greco la stessa componente sale al 175% del PIL. Questa ovviamente la grossa differenza fra i due sistemi. Mentre la Cina si é indebitata per far crescere l’economia la Grecia lo ha fatto solo per gonfiare la macchina pubblica. Inoltre la Grecia non avendo praticamente economia risulta incapace di ripagare i propri debiti mentre la Cina con la sua crescita risulta solvibile.

Nonostante questa fondamentale differenza, rimane comunque alta la percentuale di debito totale rispetto alla capacitá produttiva. La Grecia ha un valore totale di circa il 320%  mentre la Cina é poco sotto al 280%. Fa riflettere che l’industria Cinese é tutt’altro che solida come credevo. Il suo debito infatti va ben oltre la sua capacitá produttiva. In Cina come si vede dal grafico, a fine 2014 il debito dell’industria era del 125% cioé quasi il doppio del valore nel 2007. Questi numeri sembrano dimostrare che la Cina invece di riuscire a diminuire il suo debito negli anni della sua crescita lo ha aumentato.

In totale se nel 2007 il debito totale cinese era di 7.400 Miliardi di dollari , quello di metá 2014 é 4 volte piú alto.

Il concetto del miracolo asiatico inizia a scricchiolare. Il suo ritmo di crescita del 10% per anno non era forse cosí reale come credevo ma artificialmente sostenuto da un sempre piú alto debito.

Nella seguente tabella i paragoni fra i livelli di indebitamento dei paesi sviluppati rispetto a quelli in via di sviluppo a metá del 2014.

Debt ratio developing and developed economies

l’Italia sempre additata come un paese con un forte dissesto pubblico, rimane sotto la media del debito totale dei paesi sviluppati. Il peso del debito pubblico Italiano é alto (troppo alto) ma l’indebitamento delle aziende e dei proprietari di case é relativamente basso rispetto al resto dei paesi sviluppati. Come spesso evidenziato in questo blog il solo e grande freno Italiano é il sistema pubblico che pesa e rallenta invece di agevolare l’imprenditoria privata.

Conclusioni: La bolla bomba Cinese?

Mentre la Grecia sembra un debito insormontabile per l’Europa, la Cina presenta dei numeri ancora piú critici. La sua pericolositá stá nel fatto che ad indebitarsi sono le stesse aziende che generano economia. La Grecia dal canto suo ha giá dimostrato la sua insolvibilitá non riuscendo a ripagare il proprio debito se non in decenni e a condizioni di favore. In teoria un sistema é solvibile indipendemente dal valore assoluto dei suoi debiti ma in relazione alla sua crescita economica in grado di ripagare gli interessi. In questo caso la grande differenza fra Grecia e Cina.

Ma ipotizzando un brusco rallentamento della Cina cosa ci dobbiamo aspettare a livello mondiale nel caso in cui la crescita non fosse piú sufficiente a colmare i propri doveri di debitore? La Cina fra bolle finanziarie, immobiliari, monetarie sembra diventare sempre di piú una minaccia per il mondo intero in caso di deflagrazione. La Grecia a confronto é un piccolo fiammifero che puó essere spento con un semplice soffio. É fondamentalmente un problema Europeo solo politico mentre la Cina é un serio e concreto problema economico.

La crisi del 2008 é nata proprio per un eccesso di debito (Americano) privato, in Europa si é poi trasformata in un debito pubblico dei vari Stati. Dopo tutti questi anni sembra che l’economia non sia ancora riuscita a trovare una via d’uscita a questi metodi di crescita deviata. Dal 2008 l’ammontare del debito invece di scendere é cresciuto confermando che l’economia globale sembra avere nel debito l’unico stimolo alla crescita che per forza di cose non é quindi credibile.

Il mondo sembra non voler imparare dagli errori del passato e il “nuovo mondo” asiatico ha ripreso gli stessi errori amplificandoli 1000 volte.

Forse é proprio vero che i cinesi sono i migliori negli spettacoli pirotecnici.

Fonte dei dati: Mc Kinsey pubblications “Debt and (not much) deleveraging

I profughi e l’immigrazione. I numeri veri e i falsi luoghi comuni di un paese che ignora.

Proprio in questi giorni  alcuni cittadini Italiani sono tristemente e violentemente scesi in strada per “combattere” contro l’assegnazione di profughi nei loro comuni di residenza.

Non ho molti commenti a riguardo perché la notizia non mi stupisce, é prevedibile. Non posso peró nascondere una profonda tristezza mista a vergogna. Come previsto l’ignoranza del popolino mosso dalla stupiditá di una certa politica ha portato i suoi frutti. Ovviamente e fortunatamente non possiamo prendere una minoranza di cittadini come l’immagine dell’Italia ma non possiamo comunque essere indifferenti a questi fenomeni.

Chiusa la parentesi emozionale passiamo al vero motivo del post ovvero quello di portare qualche altro spunto riflessivo (sempre che qualcuno voglia riflettere) sul fenomeno immigrazione senza entrare necessariamente nel bar della politica. Su questo blog ho giá raccolto alcuni numeri sull’immigrazione almeno per dimostrare quanto la paura di costi insostenibili non fosse confermata dalla realtá. Al solito grido populista de “i soldi prima agli Italiani”, ho giá risposto con le prove che gli stranieri si stanno pagando con le proprie tasse le spese dell’immigrazione (anche quella irregolare) e lasciano nelle casse dello Stato e dei cittadini Italiani 2 miliardi di attivo.

In questi giorni mi é capitato fra le mani un’interessante presentazione relativa ai numeri dell’immigrazione redatto da Francesco Fasani un “lecturer” dell’Universitá Queen Mary di Londra “School of Economics and Finance”. Fasani é specializzato sull’analisi economica della materia “immigrazione”. La sua presentazione rientrava nel programma degli incontri 2015 di “Noise from Amerika” il Blog di Michele Boldrin e altri accademici economisti. Ovviamente essendo noisefromamerika.org una delle fonti di ispirazione di questo blog, il materiale fornito é sempre considerato affidabile e serio per molte discussioni e analisi. La qualitá e l’esperienza dei molti accademici che contribuiscono al blog é ovviamente una garanzia sul valore dei “numeri” utilizzati che ne fanno la differenza rispetto alla generale confuzione del dibattito pubblico-politico Italiano.

Ma veniamo ai luoghi comuni che spesso si sentono nella discussione sull’immigrazione. Quasi l’80% del materiale che mi é capitato di leggere/sentire sui media Italiani si concentra quasi per nulla sui numeri ma sempre su questioni ben lontane dalla razionalitá.

Il discorso immigrazione attualmente attivo in Italia ha come unico scopo quello di raccogliere consenso politico e non certo quello di creare una base di discussione costruttiva per la creazione di politiche di gestione del fenomeno.

Il dibattito crea due fazioni, una contro qualunque tipo di immigrazione e una buonista che tende a negare qualunque tipo di problema.

Chiariamo il punto di vista dello scrivente: Il problema esiste anche se i numeri ci dicono che non é un’emergenza. Ovviamente l’immigrazione va controllata ma questo deve essere fatto non tramite il rifiuto all’accoglienza ma tramite la gestione degli arrivi cosa che l’Italia ha sempre evitato.

Luoghi comuni e numeri reali sull’immigrazione.

– L’Italia é uno dei paesi in Europa con i piú alti tassi di immigrazione. 

Per questa risposta uso una tabella di un’altra presentazione della giornata NfA 2015 a cura del Professore Giulio Zanella dell’Universitá di Bologna.

Zanella-Immigrazione by destination and origin

Come é facile notare l’Italia non risulta una delle destinazioni piú gettonate per l’immigrazione. Tutto si puó dire tranne che l’immigrazione Italiana é un’invasione.

– L’Italia é uno dei paesi con un’alta concentrazione di profughi.

Fasani ci informa che “sono circa 51 milioni di persone che hanno dovuto abbandonare la
propria casa a causa di conflitti, persecuzioni, violenza, violazioni dei diritti umani (dati UNHCR, 2014).”

Di questo totale 33 milioni sono all’interno del proprio paese (Internally Displaced), 17 milioni sono rifugiati e 1,2 chiedono asilo (ovvero il 2%).

E quale é la distribuzione dei profughi nel mondo? La figura qui sotto ci dice che l’Italia non risulta sicuramente fra i paesi con una densitá per abitante cosí alta.

Distribuzione dei rifugiati nel Mondo - Fasani

Dai dati di Fasani é inoltre evidente che la maggior parte dei rifugiati si trasferisce nei paesi limitrofi senza nemmeno raggiungere l’Europa.

Se gli Italiani lamentano una devastante invasione dovrebbero quantomeno dare un’occhiata al numero di rifugiati per abitante della tabella qui sotto. La tabella raccoglie il numero di emigrati ogni 1000 abitanti.

Principali paesi ospitanti - Fasani

Forse i Libanesi potrebbero avere qualche ragione in eventuali lamentele a rigurado dell’immigrazione.

Svezia e Malta sono gli unici paesi Europei in elenco e molto probabilmente la loro bassa popolositá rende subito la densitá piú alta.

La crisi Siriana per esempio ha generato ben 11 milioni di rifugiati costretti a lasciare le proprie abitazioni. Di questi 11 milioni 6,5 sono rimasti in Siria, 4 Milioni sono rimasti nei paesi confinanti distribuiti secondo la seguente tabella.

Distribuzione dei Rifugiati Siriani - Fasani

L’Europa ha dato asilo politico a 250000 Siriani ovvero il 5% dei rifugiati e pari allo 0,05% della popolazione Europea.

Ma dov’é l’Invasione?

– I rifugiati vengono in Italia e poi ci restano.

Se prendiamo l’esempio dei Siriani vediamo come le richieste di asilo politico sono molto ridotte nel nostro paese rispetto al resto d’Europa. Siamo estremamente lontani dai valori del Nord Europa. Nonostante i nostri politici vogliono costruire un caso sociale sull’immigrazione é chiaro che l’Italia non risulta una delle mete preferite.

Richieste asilo politico i Europa - Fasani

Non preoccupatevi Italiani ben pochi hanno intenzione di stare in Italia. Avete ragione “c’é giá poco per gli Italiani”, se ne sono accorti anche loro, d’altronde sono rifugiati mica stupidi.

– In Italia arrivano perché abbiamo le coste.

Ammetto che anche io sono caduto in passato in questa falsa credenza anche se sapevo comunque che la maggior parte non arriva via “barcone” ma con normali visti turistici.

Fasani ci conferma infatti che negli anni circa il 70-80% degli immigrati entra regolarmente e con visto turistico.

E allora perché vengono in Italia?

La maggioranza degli Italiani mediamente preferiscono questa lista da bar:

  • Perché siamo troppo accoglienti…
  • Perche siamo circondati dal mare…
  • Perche gli altri Paesi non li vogliono…
  • Per colpa della sinistra buonista…
  • Perche ci sono troppe barche nel Mediterraneo…
  • Per colpa degli sca sti…
  • Per colpa dell’Unione Europea (e dell’euro)…

Da quello che spiega Fasani come é facile prevedere… none of the above. l’Italia non aderisce a nessun programma dell’Organizzazione mondiale per i rifugiati UNHCR dell’ONU. In particolare l’Italia non partecipa al programma di “resettlement policy” ovvero nel gestire i profughi quando sono ospitati in paesi terzi e organizzare la loro redistribuzione in altri.

L’Italia preferisce gestire l’immigrazione “a flussi annui” oppure a frequenti sanatorie.

Il risultato é il seguente, che in Italia come in altri paesi Europei i rifugiati arrivano autonomamente e non attraverso un programma gestito che faciliterebbe le operazioni.

Modalita di ingresso rifugiati - Fasani

L’Italia quindi non aderendo a nessun programma obbliga molti rifugiati ad attraversare il mediterraneo. Arrivati nel nostro paese in maniera irregolare possono provare ad andare altrove oppure ad aspettare una sanatoria che prima o poi per alcuni arriverá.

Lo Stato Italiano e la sua pessima gestione dell’immigrazione é la principale causa dell’immigrazione irregolare.

Se non si partecipa a nessun programma di “Resettlement” si forzano i migranti ad intraprendere la via del mare in modo da poter applicare la loro richiesta direttamente nel paese Europeo.

Nella seguente figura non mi sembra di rilevare nessun tipo di accoglienza Italiana. Ma allora come mai gli Italiani pensano di avere troppi richiedenti asilo? La risposta cade sempre sotto la stessa definizione: ignoranza. Nel senso che si ignora, chi per interesse e chi per una paura non giustificata.

Rfugiati resettled in Europa

– La Sinistra Italiana é la causa politica dell’immigrazione.

La gestione politica dell’immigrazione non ha differenze fra i Governi di Centro, Destra e Sinistra. Tutti hanno applicato meccanismi di flussi gestiti e molte sanatorie.

In Italia un immigrato dovrebbe arrivare per richiesta diretta di un datore di lavoro. Un datore di lavore Italiano in pratica deve assumere qualcuno da un altro paese senza averlo mai nemmeno visto. 

Questo é ovviamente un palliativo. Gli immigrati irregolari restano nel nostro paese aspettando la sanatoria oppure il momento in cui un datore di lavoro puó richiedere la loro registrazione dopo anni di attivitá in nero (legge Bossi Fini del 2002).

Queste regole sono la dimostrazione di un sistema che non gestisce l’immigrazione in se ma solo la regolamentazione di quella irregolare giá presente. Questo NON agire ovviamenta non aiuta la riduzione degli ingressi e il tentativo per molti di rimanere anche se non regolari.

I Numeri della politica Italiana sull’immigrazione:

  • Dal 1986, l’Italia ha concesso sette sanatorie (1986, 1990, 1995, 1998, 2002, 2009 and 2012), legalizzando un totale di 1,9 milioni di immigrati irregolari
  • Un numero importante rispetto ai quasi 5 milioni di immigrati regolarmenete residenti in Italia nel 2014
  • Le sanatorie sono una politica pienamente bipartisan: utilizzate da
    governi del pentapartito (Craxi: 1986; Andreotti: 1990), di sinistra
    (Prodi: 1998), di destra (Berlusconi: 2002 e 2009) e tecnici (Dini:
    1995; Monti: 2012)
  • Nel 2006, il governo Prodi (Prodi II) ha sostanzialmente utilizzato il decreto flussi come una sanatoria, legalizzando tutti coloro che avevano fatto domanda (350 mila), sfondando ampiamente la quota prevista dal decreto (190 mila)

In generale se guardiamo questo grafico possiamo vedere quanti immigrati sono stati sanati dai diversi Governi.

sanatorie Italiane - Fasani

Facile notare il picco del 2002 dove il Governo di Destra e con la Lega Nord al suo interno ha sanato il numero maggiore di immigrati. Sono gli stessi protagonisti dell’odierno panorama politico che si atteggiano ad intransigenti verso l’immigrazione.

Quello che si puó chiamare fact checking utilizzabile per smascherare i predicatori sempre molto attivi nel panorama politico Italiano.

 Non esiste una “Sinistra Buonista” esiste un’intera classe politica incompetente.

 – I costi dell’immigrazione sono troppo alti.

Il vero cavallo di battaglia degli ignoranti (sempre quelli che ignorano) é il grave costo dell’immigrazione sulle tasche degli Italiani. Ho giá scritto qui come il bilancio fra le tasse pagate dagli immigrati regolari e i costi totali di tutta l’immigrazione (anche irregolare) hanno un bilancio positivo. In pratica gli immigrati oltre ad usare di meno il nostro sistema sanitario e pensionistico (perché giovani e sani) ci lasciano sui conti pubblici ben 2 Miliardi di attivo. Ma questo per molti é un dettaglio.

Ma vediamo qualche paragone sui costi a cui gli Italiani sembrano cosí sensibili nonostante il loro fisiologico rifiuti dei numeri veri.

  • L’operazione Mare Nostrum é costata 114 Milioni di Euro in 1 anno a completo carico dell’Italia.
  • L’operazione é stata sostituita da quella Triton che ne ha ridotto il raggio d’azione. Il costo di triton é in carico alla EU per un costo un terzo piú basso (3 Milioni invece di 9 al mese).
  • Nel 2015 i fondi per Triton sono stati triplicati raggiungendo Mare Nostrum ma senza cambiarne il raggio d’azione.

Sono questi costi cosí insostenibili? Usiamo i confronti di Fasani.

  • L’Europa spende ogni anno lo 0,4% per le Politiche Agricole. Questo “piccolo” 0,4% equivale a 50 Miliardi di Euro ovvero 440 volte Mare Nostrum.
  • Il Salvataggio di Alitalia da parte di Berlusconi del 2008 é costato agli Italiani 4 Miliardi di Euro e potrebbe ancora costarne circa 600 Milioni. Equivale a 35 Volte Mare Nostrum.
  • Il padiglione Italia all’Expo é costato 92 Milioni di Euro ovvero l’80% di Mare Nostrum. Il costi totali dell’Expo 2015 sembrano di 14 Miliardi di Euro ovvero 122 volte Mare Nostrum.

Certo gli ambiti sono diversi ma il paragone dei numeri dá l’idea di quale sia la percezione di costo di una spesa rispetto all’altra agli occhi degli Italiani che vivono solo di Bar e TV.

Conclusioni

L’informazione Italiana tende ormai sempre piú sovente a non diffondere notizie vere e la guerra dell’audience produce solo fenomeni da baraccone mediaticamente utili. I numeri sono un dettaglio e l’analisi un optional.

Le urla da strada e l’isterismo post crisi di una parte della popolazione (fortunatamente in percentuali non rilevanti) non sono combattute ma semplicemente esaltati ed eletti a palcoscenico televisivo e prova del mondo reale.

Non sono particolarmente preoccupato di un degrado dell’Italia e degli Italiani. Questi comportamenti sono sempre esistiti e sempre esisteranno. Gli Italiani hanno poco amore per i numeri e sono prevalentemente istintivi.

Quello che mi preoccupa maggiormente é il degrado dell’Informazione Italiana che ormai costantemente cerca audience e non veritá. Cerca urlatori e non professionisti. Un’informazione che elegge Salvini a “uomo audience” senza considerare che forse é il momento di essere seri e di cercare di cambiare in meglio il paese. Servono soluzioni e non lamentele in stile Salvini/Grillo. Un’informazione che non si accorge dei danni di questa superficialitá nel lungo periodo é povera e dannosa per tutta la collettivitá.

Sveglia Signori, la TV non é un allarme sui pericoli che ci circondano ma solo un pericoloso anestetico cerebrale.    

La via verso l’Ultra Broadband Italiano a pessima guida pubblica.

Italian slow broadband  Partiamo da questi semplici numeri.

Banda media e di picco dell’accesso ad Internet con incrementi annuali

AvgPeakBWQ42014

Percentuali di utenti con accessi ad Internet sopra i 10Mbps.

BW10-4MbpsQ42014

Percentule di utenti con accesso oltre i 15 Mbps

15MbpsQ42014

I dati sono contenuti nel report “State of the Internet” (4o quadrimestre 2014) di Akamai.

Aggiungo anche il mio centesimo ai numeri. Il mio paese a 30km da Torino (non in cima all’ Everest quindi) ha esaurito gli accessi ADSL disponibili e quindi mi devo accontentare di un dongle 3G con relativa connettivitá “fluttuante” considerata la distanza dalla cella. Chi é riuscito ad avere il servizio si connette comunque a 640Kbps. Siamo nel 2015 ma i miei concittadini non se ne sono ancora accorti.

Cosa possiamo dedurre da questi numeri Italiani sul Broadband?

Semplicemente che la situazione Italiana per la “connettivitá Broadband” é disastrosa su tutti i fronti. Siamo all’ultimo posto in Europa e mal posizionati nel mondo.

Qui sotto la copertura NGN (Next generation Network) in Europa.

NGN EU

Le cause sono molte ma fra tutte la solita mancanza di competizione di mercato e inesistenti piani pubblici sono fra le prime che hanno portato a questa vergognosa situazione.

Il Governo Renzi ha messo il Broadband o meglio l’Ultra Broadband nelle sue proritá di programma e recentemente ha definito il suo piano.

Praticamente in 5 anni l’Italia secondo il Governo Renzi dovrebbe passare dal nulla ai vertici Europei. Si passerebbe dalle ridicole velocitá di accesso addirittura all’Ultra Broadband. In pratica oggi gli utenti Italiani navigano con una FIAT 500 mentre nel 2020 quasi tutti avranno una Ferrari: Un programma alquanto sfidante per essere educati.

La ragione di questa accelerazione é semplicemente dovuta all’agenda elettronica Europea che prevede per il 2020 il 50% della popolazione raggiunta da una velocitá di 100Mbps. Tutto qui, obiettivi definiti da qualcun altro da raggiungere senza riflessioni. L’importanza economica del Broadband é indubbia ma il voler a tutti i costi mantenere programmi altrui senza considerare le attuali condizioni puzza piú di  politica che di strategia industriale. Come scritto in questo condivisibile articolo di Leoni Blog, “Perché dobbiamo a tutti i costi dare 100Mbps al 50% della popolazione invece di dare 80Mbps al 75%?”.

Semplicemente perché il legislatore assente per un ventennio sull’argomento adesso vuole imporre senza se e senza ma il programma Europeo agli operatori fissi. Certo la situazione odierna é anche responsabilitá degli operatori stessi ma sicuramente il legislatore non ha mai cercato di migliorare la situazione.

Quello che fa riflettere sono le parole di Raffaele Tiscar, vice segretario generale di Palazzo Chigi e influente consigliere di Renzi nell’ambito del Broadband. La sua posizione si puó riassumere nei seguenti punti:

  • Il Governo vuole definire il piano industriale degli operatori. Tiscar dichiara  “è il piano industriale del governo che orienta quelli degli operatori, e non viceversa”. [non commento questa affermazione sconvolgente in un (quasi) libero mercato].
  • Gli operatori di telecomunicazioni devono essere degli attori che applicano le regole imposte dal regolatore senza tenere in considerazione le proprie possibilitá di investimento.
  • Non esiste nessuna relazione fra consumi, bisogni, benefici e costi.
  • Non esiste nessuna analisi sul prezzo di un possibile servizio (100Mbps) e la sua vendibilitá nel mercato Italiano. (Quale dovrebbe essere il suo prezzo e quanti utenti sarebbero disposti a pagarlo?).
  • I fondi pubblici sarebbero il metodo dirigistico per equilibrare un mercato.
  • Le reti di TLC dovrebbero essere gestite dallo Stato secondo Tiscar.

Come sempre in Italia la concorrenza va limitata per decreto.

Insomma il libero mercato e le sue regole sembrano non essere un elemento da tenere in considerazione. Esiste un obiettivo Europeo che deve essere raggiunto indipendentemente dalle condizioni economiche dell’Italia e degli operatori di Telecomunicazioni.

Questo atteggiamento del legislatore Italiano non é nuovo ed é forse uno dei grossi responsabili dei vari ritardi Italiani non solo nell’ambito delle TLC.

Quello che stupisce é il fatto che tecnicamente esistono delle possibilitá alternative alla fibra per fornire servizi a bande rilevanti (60Mbps, 70Mbps, 80 Mbps) appoggiandosi all’esistente infrastruttura in rame. Esistono poi ulteriori sviluppi dei servizi stessi che prevedono l’utilizzo ibrido di fibra e rame che possono raggiungere velocitá anche piú alte dei famosi 100Mbps. Il rame a differenza della fibra soffre la distanza quindi per poter raggiungere velocitá elevate necessita di un allungamento della tratta in fibra fino al cabinet stradale per poi usare il rame nell’ultima tratta verso l’utente (piú corta). Queste tecnologie ovviamente permettono agli operatori investimenti piú ragionevoli come spiegato qui da Alberto Calcagno Amministratore Delegato di Fastweb. Queste tecniche vanno sotto la denominazione di FTTC (Fiber To The Cabinet) o FTTS (Fiber To The Street). Wikipedia riassume cosí le varie tecnologie FTTx.

Alberto Calcagno dichiara che gli investimenti per il FTTH sarebbero di 15 Miliardi con tempi di realizzazione di 20 anni rispetto ai 3,5 Miliardi in 5 anni per il FTTC. Se questi numeri sono confermati dimostrerebbero che le affermazioni di Tiscar non sono basate su nessun piano tecnico-economico ma forse solo sulla fretta (politica) di raggiungere gli obiettivi Europei.

Paesi come Inghilterra, Svizzera, Germania hanno giá implementato questa tipologia di servizi ibridi. “I progetti di copertura in Fiber to the cabinet prevedono un 75% in Uk, un 50% in Germania al 50% e un 70% in Svizzera” dichiara nello stesso articolo Mario Mella (direttore IT di Fastweb).

In questo grafico le velocitá raggiungibili con relative tecnologie su rame.

Broadband Over Copper

Il Governo invece vuole andare verso il cosiddetto FTTH (Fiber To The Home) ovvero portare la fibra direttamente a casa degli utenti. Tiscar dichiara “A chi poi ci chiede perché la nostra scelta ricada sull’Ftth, rispondiamo che l’Fttc non consente di raggiungere gli obiettivi dell’agenda digitale Europea, e che se vogliamo portare a casa il risultato bisogna andare oltre il cabinet. Nelle aree urbane non ha senso fare l’Fttc, per poi superarlo e fare l’Ftth spendendo di più”.

Le tecnologie ibride rame/Fibra inoltre non escludono un evoluzione FTTH. Tutti gli apparati di comunicazioni che garantiscono l’accesso ad Internet sono tutti modulari e quindi un semplice aggiornamento delle schede (a volte nemmeno quello) trasformerebbe un FTTC in FTTH nel momento in cui la fibra fosse disponibile a casa dell’utente.

Quale sarebbe quindi il limite tecnologico nel partire con l’FTTC?

É necessario puntualizzare per corretteza tecnica che per raggiungere velocitá superiori ai 100Mbps attraverso tecnologie in rame é necessario utilizzare le tecnologie denominate vectoring. L’utilizzo di queste tecnologie richiederebbe peró una forte regolamentazione del cosiddetto ultimo miglio attualmente inesistente. Il motivo é da ricercarsi nei limiti fisici del segnale che impongono un’utilizzo aggregato delle risorse in rame. In pratica il cavo che contiene tutti i doppini telefonici deve essere collegato allo stesso apparato (o almeno appartenente allo stesso fornitore) e quindi allo stesso operatore. Questo limite  impatta direttamente le scelte tecnologiche degli operatori ma sopratutto elimina la possibilitá del cosiddetto Unbundling ovvero la possibilitá per gli operatori alternativi di affittare il doppino telefonico da Telecom Italia. In generale queste tecnologie su rame imporrebbero al regolatore la definizione delle regole sulla gestione dell’ultimo miglio. Queste scelte sono giá state prese in paesi come la Germania dove lo stato non ha escluso a priori la tecnologia FTTC per i suoi obiettivi broadband.

Perché in Italia no? perché si pensa di risolvere tutto con forzature e distorsioni pubbliche del mercato o attraverso sovvenzioni non ben chiare ma comunque scorrelate dai piani industriali degli operatori? Perché la competizione di mercato non viene mai considerata come via per lo sviluppo?

Domande a cui é difficile rispondere ma che forse hanno una radice comune nell’ignoranza economica delle istituzioni che non riescono a vedere quanto queste mentalitá abbiano portato l’Italia ad essere in coda agli altri paesi europei.

Cosa aspettarsi nel prossimo futuro? Sicuramente un incremento della pressione dell’Esecutivo sugli operatori considerato che i fondi dedicati al Broadband sembra possano essere svincolati dal Fiscal Compact secondo il piano Junker. Questo potrebbe mettere lo Stato in una posizione di forza rispetto agli operatori. Molto probabilmente ancora una volta lo Stato tenterá di controllare il mercato invece di sostenerne la libera concorrenza fra le aziende che il mercato lo conoscono meglio e lo sostengono da anni. Il risultato prevedibilmente sará come sempre un peggioramento non miglioramento drastico dell’offerta che peserá sulle tasche dei cittadini.

Nonostante la Pubblica Amministrazione sia agli ultimi posti in Europa come informatizzazione dei propri servizi (elemento che aumenterebbe la domanda di servizi broadband) si permette di insegnare come fare tecnologia e business a chi nel mercato c’é giá da molti anni e forse andrebbe ascoltato con attenzione invece di essere criticato senza un ragionevole motivo.

Buona fortuna Internauti Italiani mentre nel resto del mondo si forniscono servizi streaming  Ultra-HD 4k i nostri illuminati legislatori discutono su come costruire una Ferrari dal telaio di una 500. La gara si preannuncia difficile, l’arrivo estremamente lontano e non abbiamo nessuno dietro di noi da guardare allo specchietto.

Letture per il weekend – 30 Maggio 2015Weekend Reading– May 30 2015

I consigli di un “esperto” di security come Snowden su come costruire la propria password [link all’articolo]

Sembra che la musica in streaming non sia poi cosí “verde” rispetto alla produzione e distribuzione dei CD. [link all’articolo]

Acqua Bene Pubblico? Dopo che il referendum che ha evitato “il profitto” della cattive aziende private sembra che il profitto (alto) sembra essere tutto pubblico. E quindi cosa avete risolto? [link all’articolo]

Vodafone annuncia 6 servizi per aiutare gli agricoltori. [link all’articolo]

Il bello e il brutto della connettivitá Wifi sugli aerei. [link all’articolo]

L’operatore StarHub ha raggiunto con Nokia una velocitá di 600Mbps via LTE. [link all’articolo]

30 anni di proposte mai attuate sulle unioni civili. [link all’articolo]

Mentre la chiesa tuona contro I matrimony gay, si dimostra timida contro la propria pedofilia interna. [link all’articolo]

Dove si é tagliato nella spesa pubblica? [link all’articolo]The suggestions from a “security expert” how to build your password. The expert is Snowden. [link to the article]

Streaming music seems to be less “green”compare with CD production and distribution. [link to the article]

Vodafone reveals 6 services to help farmers. [link to the article]

The good and the bad of Wifi connectivity on the airplane. [link to the article]

StarHub showed 600Mbps via LTE with Nokia. [link to the article]

Italia: a Country for old men. Ecco perché gli immigrati ci servono per pagare le pensioni.

Gli sbarchi dell’ultimo periodo hanno riaperto in Italia e in Europa il solito dibattito sulla difesa dei propri confini „dall’invasione“ dei migranti. I partiti di destra in cerca di visibilitá fanno leva sull’insoddisfazione della popolazione per guadagnare consensi grazie ad una campagna elettorale tutta concentrata sulla lotta all’immigrazione.

Sull’argomento immigrazione ho giá scritto qui di quanto le reali cifre in ballo siano lontane dai discorsi propagandistici e di basso livello di questi partiti politici che stanno velocemente aumentando i loro consensi, Lega Nord di Matteo Salvini prima di tutti.

A differenza di quanto tutti credono l’immigrazione controllata e regolare porta piú benefici di quanto si creda. In un mio precedente post avevo giá scritto quanto le tasse pagate dagli immigrati ripagano tutte le spese destinate alla gestione dell’immigrazione stessa (incluse le spese per le operazioni di controllo e aiuto alle imbarcazioni provenineti dalla Libia). I numeri ci dicono infatti che l’Italia ha un surplus di 2 Miliardi di Euro rispetto alle spese e quindi NON é vero che i soldi per l’immigrazione sono in perdita ma come si sa agli Italiani i numeri non piacciono e preferiscono le teorie „da bar“.

Prendo spunto da un interessante report della Business Monitor International Ltd’s che raccoglie le previsioni socio economiche per l’Italia nel periodo 2014-2024. Nel report ho trovato molto interessante questo grafico.

Pensionable in Italy

Quello che semplicemente ci comunica questo grafico é che nonostante le riforme fatte sul sistema pensionistico Italiano il futuro della popolazione Italiana presenta una curva che causerá seri problemi ai conti pubblici. La popolazione Italiana infatti presenta una percentuale di persone oltre i 65 anni che passerá dal 20% nel 2010 al 23% nel 2020 e al 33% nel 2050. Questo vuol dire che il numero di persone a cui spetta una pensione sará estremamente piú alta rispetto alla popolazione giovane unica che paga le suddette pensioni.

In pratica avremo un numero in crescita di persone pensionabili e un numero in calo di lavoratori in grado di pagarle. Credo il problema economico dovrebbe essere abbastanza chiaro. La situazione non é ovviamente solo Italiana ma é pressoché la stessa in tutti i sistemi economici evoluti. Un campanello di allarme che ci fa capire quanto i sistemi pensionistici non abbiano un modello sostenibile nei modi che adesso conosciamo.

In tutto questo ragionamento la forza lavoro che l’immigrazione porta con sé non puó che aumentare la percentuale di lavoratori in grado di pagare le pensione agli anziani Italiani. Senza una nuova classe di lavoratori i soli Italiani non sarebbero in grado di gestire il sistema pensionistico con il risultato di un altro shock per i conti pubblici risolvibile solo con altre forti ristrutturazioni del sistema come quelle fatte dalla Fornero, ovvero tagli.

Se consideriamo inoltre che le Nazioni Unite prevedono una popolazione Italiana in calo e non in aumento il problema potrebbe essere ancora piú grave.

Non tutto peró é cosí lineare perché se l’Italia non cercherá di diminuire il proprio numero di lavoratori di basso livello innalzanado la loro professionalitá attraverso l’educazione pubblica l’immigrazione avrá sicuramente un aspetto anche negativo. Se l’Italia non innalzerá la professionalitá della propria popolazione le classi piú povere e meno educate pagheranno il costo dell’immigrazione che  diventerebbe un sostituto alle proprie mansioni. Questo ovviamente ha come immediato risvolto politico quello di rafforzare le fazioni della destra estrema che come sta accadendo adesso basano la loro campagna elettorale (solo) sugli argomenti anti-immigrazione.

Quindi se vogliamo mantenere un sistema pensionistico sostenibile é necessario considerare l’immigrazione una risorsa. In questo caso quindi é necessario gestirla al meglio con regole precise, severe ma di intralcio all’assunzione. L’Italia da questo punto di vista ha una legislazione difficile che non aiuta la regolarizzazione dei flussi creando sacche di lavoro nero ancora piú dannose al sistema poiché non generano tasse ma solo costi.

Invece di creare barriere é consigliabile costruire un sistema di regole chiare che consenta anche l’integrazione economica dei soggetti a meno che la destra Italiana non abbia come arma di riserva la riduzione selettiva della popolazione over 65.

L’esperienza Lega Nord degli ultimi 20 anni ci insegna che il divario fra parole e fatti é molto ampia, da una parte si raccolgono voti con argomentazioni discutibili e dall’altra si governa con una chiara incapacitá a gestire il fenomeno neppure nei fondamentali. Abbiamo giá perso troppo tempo non ne abbiamo molto e sarebbe auspicabile un utilizzo piú efficiente di quel poco disponibile, speriamo che gli Italiani lo capiscano.

Il Presidente licenzia l’AD, 780.000Euro per mancato preavviso ma sono la stessa persona: Il caso Ciucci-ANAS e cosa si é dimenticato Report.

In questi giorni leggo una certa euforia per le dimissioni da Presidente dell’ANAS di Pietro Ciucci. Dopo la puntata di Report del 15 Aprile 2015 dedicata agli scandali della stessa ANAS sembra che queste dimissioni siano un successo dell’informazione Italiana riuscita finalmente ad aprire il coperchio di un grosso scandalo.

Sarebbe bello ma purtroppo se esiste un paese in Europa dove l’informazione non é un arbitro e controllore imparziale dell’operato pubblico questo é proprio l’Italia. Generalmente é invece un alleato sovvenzionato per scopi politici. La stampa di destra scopre solo gli scandali di sinistra mentre quella di sinistra trova solo gli scandali di destra. Un giochetto giustificato da un sistema di totale finanziamento pubblico dell’informazione.

In un paese dove Il Fatto Quotidiano, Report e il Gabibbo sono gli unici esempi di informazione libera diventa difficile pensare che le alte cariche pubbliche possano essere in qualche modo danneggiate dalle indagini giornalistiche.

Report ha fatto un buon servizio ma Ciucci era giá nel mirino del Governo e in odore di dimissioni da mesi. Da Marzo infatti due consiglieri su tre (Ciucci era il terzo) del CdA si erano dimessi (Maria Cannata , Sergio Dondolini “uomini” di Renzi). D’altronde Ciucci era in ANAS da 45 anni. Nel suo CV ha ricoperto alte cariche pubbliche assegnate da Governi sia di destra che di sinistra. É stato 9 anni Ammistratore Delegato (AD) di ANAS, oggi in pensione ma sempre Presidente di ANAS per circa 250.000 Euro l’anno. Insomma non certo un personaggio sotto il mirino dello Stato ma forse un umile servitore degli interessi politici. Non é una difesa, i manager pubblici come lui non dovrebbero esistere in un paese sano ma loro sono semplicemente “attrezzi” del volere politico. Ciucci era stato anche nominato da Berlusconi Presidente del consorzio “Ponte di Messina”, consorzio che aveva speso qualche centinaio di milioni per un’opera mai iniziata. Questa é l’Italia e questo é un esempio del tipico manager pubblico Italiano che nonostante errori e scarsitá del servizio da lui gestito rimane in carica. I risultati non contano nel mondo pubblico Italiano l’importante é il servizio che si fornisce alla casta politica.

Ma torniamo al nostro curioso caso. Ciucci nel 2013 era contemporaneamente AD, Presidente e Direttore Generale dell’ANAS (senza considerare le altre cariche esterne) e visto che il Governo stava lavorando sull’abolizione delle cariche multiple Ciucci decise di mandarsi in pensione dopo 45 anni di servizio con una buona uscita di 1.800.000 Euro. Quindi l’AD Ciucci manda in pensione il Direttore Generale Ciucci.

Quello che peró Report non ha evidenziato é che in questa enorme buona uscita ci sono ben 780.000 Euro per mancato preavviso  (Fonte Focus Economia – Radio 24 puntata del 27 Marzo 2015 min 24:40).

Mancato Preavviso?

Ebbene sí: l’AD e Presidente dell’ANAS Pietro Ciucci licenzia e manda in pensione il Direttore Generale Pietro Ciucci ma senza avvisarlo nei termini previsti dalla legge. Probabilmente Pietro Ciucci doveva scrivere una lettera di preavviso e farla firmare a se stesso.

É sconcertante vedere come i soldi pubblici vengano letteralmente inghiottiti con tanta semplicitá. Un Manager pubblico giá ricopre contemporaneamente diverse cariche  e per ognuna delle quali riceve compensi altissimi oltre il milione di Euro, decide di rinunciare ad una carica non tanto perché praticamente inconcilianile (anche se legalmente possibile) con le altre ma perché sente odore di cambiamento obbligato e cerca di trarne il maggior beneficio economico finché esistono le condizioni. Certo la colpa forse non sta nel singolo ma nel sistema che permette tutti questi trucchi legali.

Nonostante il paradosso di licenziare se stessi e automaticamente denunciarsi per non essersi dato il preavviso, il problema di fondo é che tutto questo é legale. Un sistema che permette di regalarsi soldi pubblici in maniera quasi illimitata con metodi che non hanno paragoni nelle aziende private e purtroppo negli altri paesi evoluti. Esistono i super manager anche nell’ambito privato (per esempio Marchionne) ma loro rispondono dell’andamento della propria azienda e ricevono in base alle proprie performance un compenso. Considerati gli errori materiali di ANAS documentati da Report non sembra esserci una grossa responsabilitá nell’operato dei manager pubblici. In ogni caso se Presidente, AD e Direttore generale sono la stessa persona diventa improbabile avere delle valutazioni neutre sull’operato.

Nella puntata di Report Ciucci é solo una parte del sistema pubblico malato Italiano. Ad un certo punto appare anche l’ex Sindaco di Reggio Calabria ed ex Presidente della regione Calabria Giuseppe Scopelliti. Un personaggio con un ottimo curriculum giudiziario che si era opposto al progetto ANAS per gli ultimi chilometri della SN-RC proponendo una sua alternativa (molto piú lunga) che moltiplicava i costi portandoli da 400Milioni a 1,8 Miliardi. Motivo: I problemi di viabilitá per Reggio Calabria. Un progetto che dice lo stesso Scopelliti essere in essere dopo solo 7 anni. Questo un altro esempio di come al male si aggiungono altri mali. Ad una pessima gestione pubblica se ne aggiungono mille altre ognuna con le sue fantasie ma alla fine sempre e solo una certezza: un conto piú salato da pagare per la collettivitá e l’impunibilitá per scelte sbagliate.

Lo stesso Giuseppe Scopelliti ideatore di questa fantastica opera alternativa era giá salito alle cronache per aver aiutato il suo amico Antonio Sarra in odore di Andrangheta a diventare sottosegretario della regione Calabria. Giá nel 2013 Itaka ne aveva scritto essendo Sarra uno dei miracolosi esempi di invalidi del lavoro con vitalizio da 7500 Euro al mese che peró riusciva a giocare con successo a Basket.

Insomma Ciucci é un esempio del sistema Italia ma come lui il paese ne é pieno. Costellazioni di organizzazioni pubbliche che non sono efficienti e non riescono a portare a compimento i propri progetti. Sicuramente c’é una grossa colpa delle istituzioni alle spalle che ne gestiscono i fondi e gli investimenti e le usano per i propri scopi propagandistici. Certo non é colpa di Ciucci se esisteva il comitato “Stretto di Messina” ma certo é una scelta di Ciucci prendersi tutti i rimborsi possibili per la sua “auto pensione”. Tutto legale ma forse c’é un problema di regole che sembra non interessare a nessuno nemmeno a chi si scandalizza twittando.

Ogni volta che si sentono questi racconti penso alla propaganda di Salvini contro i Rom causa principale dei problemi Italiani. Provo a calcolare quanti scippi, biglietti non pagati e sovvenzioni a Rom dobbiamo spendere per raggiungere i 1,8 Milioni che Ciuccia ha preso come rimborso in un giorno.

Misteri di un paese al tracollo e di una popolazione che ragiona nei bar e vota di conseguenza l’ultimo dei pifferai magici.

No Euro e la solita ignoranza economica a 5 stelle

Era un po’ di tempo che non leggevo piú articoli anti Euro e pensavo che forse il soggetto era stato per ovvi motivi messo in disparte. Oggi invece capito per caso su questo post di Beppe Grillo dove ho trovato una lista di “False paure” sull’abbandono dell’euro che a definirle ridicole é fare un complimento.

L’elenco in questione non dà nessun valore aggiunto al discorso Euro perché troppo generico, semplicistico e riduttivo. La mia posizione sull’Euro mi sembra abbastanza chiara e ne ho giá scritto in piú post.

Nello scenario politico Italiano Il M5S non é l’unico a portare avanti queste teorie lontane dalle regole economiche e proprio in questo periodo é ben accompagnato dalla cricca Leghista di Salvini che fra Rom ed No-Euro fa una propaganda alquanto discutibile. Gli Italiani peró si innamorano dei concetti di pancia e non di quelli di sostanza che sono sempre troppo noiosi.

Chiarisco per eventuali critiche iniziali: Parlo di M5S senza distinguerlo da Grillo per motivi che a me sono ovvi. Senza il secondo, il primo non esisterebbe e se qualcuno ancora pensa che le due cose possono essere distaccate fa un grosso errore di valutazione. Quindi il blog del creatore e proprietario del marchio 5S è per me una delle voci del movimento.

Ma torniamo alla nostra lista delle NON paure sull’uscita dell’euro:

1 – I Mutui. Nessun problema secondo Grillo, tutto nella nuova valuta, stessi interessi e non ben definiti “vantaggi”

Ragioniamo

Mutui Variabili: Ma se la nuova valuta si svaluta (e si pensa di molto), chi ha grossi capitali in Italia proverebbe a fuggire. Per evitare fughe la banca centrale alzerebbe i tassi di interesse. Quando i tassi di interesse aumentano anche i mutui aumentano. Ma quale Euribor fisso Mr Beppe? Adesso con l’Euro i tassi sono ai minimi difficile fare meglio e allora quali sarebbero vantaggi?

Mutui Fissi: Diciamo che l’interesse non aumenta. Ho una cedola di 300E al mese. Diventa 300 Nuove Lire (da ora NL). La NL si svaluta. Il mio stipendio avrá un valore in NL uguale ma il costo della vita sará piú caro causa svalutazione. Se prima il mio stipendio era 2000E, adesso é 2000NL con una svalutazione del 20%. Ció vuol dire che vale in termini reali 1600E e se il mio Mutuo conta sempre per 300NL il suo peso su uno stipendio mensile é piú alto rispetto a prima.

I nuovi Mutui: Ma anche supponendo che i mutui in essere non cambino, cosa accade per quelli nuovi aperti dopo l’introduzione della NL? Se il costo del denaro é piú alto non é che forse anche gli interessi sui mutui aumentano di conseguenza? Dove sono i vantaggi continua a sfuggirmi.

2 –  Inflazione. Grillo afferma che l’inflazione serve (bene). L’Italia diventa piú competitiva e non é vero che i costi delle materie prime aumentano. Vedi il petrolio, nonostante la svalutazione dell’Euro sul dollaro il prezzo della benzina non ne ha risentito perché per la maggior parte è fatto di tasse.

Ragioniamo. Adesso sembra che il piano di Draghi sul famoso Quantitative Easing per produrre un pó di inflazione sembra essere giusto agli occhi di Grillo. Ho sempre pensato che Draghi fosse un “potere forte” che non poteva fare nulla di buono a prescindere, come cambiano le cose. Ma a parte questa riflessione mi chiedo:  Se il petrolio sale diciamo del 50% (circa quello che ha perso nell’ultimo anno) e magari la NL si svaluta del 20%, siamo proprio sicuri che non se ne accorgebbe nessuno?

Se tutte l’economia intorno a noi rimane in Euro, qualunque prodotto che importiamo diventa piú caro del 20% (e non sará solo il 20%). L’Italia negli ultimi anni é riuscita a crescere nell’ export nonostante l’Euro come mai? In generale se si pensa di vincere la competizione internazionale con la svalutazione vuol dire che si é capito poco di come funziona il mercato globale e di chi siano i nostri concorrenti. Non voglio andare oltre su questo punto ma guardate ad est e pensate se veramente volete competere con loro svalutando. Auguro agli Italiani qualcosa di piú di una ciotola di riso come budget famigliare per una cena di lusso a casa.

Sui costi che non aumentano possiamo aggiungere ancora l’Energia elettrica e i pomodori Spagnoli. Se preferiamo invece mangiare i pomodori Italiani dovremo per forza trasportarli dal sud con mezzi mossi a carburanti fossili, proprio quelli che non aumentano secondo i geni.

   3 –  Conto Corrente. Nessun problema e poi uno puó comunque averlo in altre valute straniere come giá oggi capita.

Ragioniamo. Sí certo il conto corrente in NL svalutato é uguale a quello vecchio in Euro e se uno volesse mantenere il suo valore va in Svizzera ad aprire un conto in Franchi. Perché l’Italiano medio notoriamente ha sempre un secondo conto corrente in dollari o Franchi svizzeri. No Comment.

 4 –  Titoli di Stato. Tanto giá adesso non valgono quindi anche se perdono un pó in futuro poco cambia.

Ragioniamo. Forse questo è l’unico punto in cui i rendimenti salgono. Mi sembra che con la Lira i rendimenti sono sempre stati ben piú alti di quelli odierni? In ogni caso un Titolo di Stato é solo Debito aggiuntivo, forse un dettaglio in un’Italia al 130%.

5 – Passaggio dall’Euro alla Lira. Riporto per completezza tutto il punto.“Il cambio probabilmente sarà 1 a 1 con la nuova valuta che poi si svaluterà un po’. L’effetto sui prezzi farà si che da subito probabilmente rimarranno uguali a quelli che vediamo oggi semplicemente denominati nella nuova valuta.”

Ragioniamo. La nuova Lira si svaluterá quindi un pó. “Un pó” quanto? A cosa serve specificare? Cosa importa se sará un 20% o un 40%… é sempre e comunque “un pó”. I prezzi subito saranno (probabilmente) uguali (certo) e poi dopo un anno di svalutazione saranno piú alti (pari alla svalutazione)… e quindi? nessun problema, solo “un pò” più cari.

6 – Aumento della Benzina. Come giá scritto nessun problema: Sono tutte tasse e poi signori miei siamo ai minimi storici.

Ragioniamo. E se i minimi storici del petrolio cambiassero raddoppiando i valori di nuovo visto che siamo attorno ai 50$ e 2 anni fa eravamo attorno ai 100$. Questo aumento piú la svalutazione non si sentirebbe nelle nostre tasche?

6 – Import: aumento dei prezzi dei prodotti importati. Secondo Grillo o chi scrive per lui il problema esiste solo sui prodotti tecnologici ma si risolve investendo sull’innovazione. L’Export puó crescere solo verso le aree extra Euro perché contano di piú rispetto ai paesi in area Euro.

Ragioniamo. Quindi vogliamo fare competizione ai produttori di tecnologia asiatici? Uhm ma che bel piano, vogliamo fare competizione a paesi come Cina e Vietnam? Continuo a pensare che dobbiamo diventare piú competitivi e puntare sulla qualitá (che non c’é in Asia) e provare a pensare che quella Tedesca é il nostro obiettivo non quella di massa elettronica dell’Asia. Sappiamo come vengono trattati i lavoratori cinesi nelle famose catene di montaggio tecnologiche vero? É veramente questo il nostro obiettivo sogno?

Per il discorso Export, certo che cresce piú fuori dall’Area Euro, perché l’Asia é attualmente la parte del mondo a crescita maggiore. Ma in ogni caso nessun tipo di problema una volta usciti dall’Euro sará tutto export extra-Euro e sará tutto import extra-Euro e come dice il saggio aumenteranno solo i prezzi dei nostri smartphone, quindi nessun problema ce li costruiamo noi.

Salvo poche eccezioni le aziende che non hanno una componente di import nei loro prodotti è minima. In generale se il costo del materiale che si acquista per la propria produzione aumenta il margine sui prodotti diminuisce. Quindi per evitare problemi l’export deve aumentare di molto o almeno per almeno una componenete pari all’aumento dei costi.

A giá ci siamo dimenticati le aziende che vendono solo sul territorio Italiano e non esposrtano? Sono solo la maggioranza. E per quelle cosa capita? Ops…

Conclusioni.

Nessuno nega che l’Europa attualmente stia passando un periodo critico e molte delle sue criticitá sono dovute alla pessima gestione degli ultimi anni. Non esistono regole comuni, non esiste un reale controllo centrale ad esclusione di quello Tedesco e della sua disastrosa applicazione dell’Austerity. Queste sono le vere colpe di un sistema di paesi che non si é mai concretizzato abbastanza ma dove l’unione monetaria é irreversibile o meglio se si rompe in maniera unilaterale (un paese che lascia) i rischi e i costi per il paese sono troppo alti.

Perché secondo voi la Grecia di Tsipras non vuole lasciare l’Euro? Leggetevi un pó di dichiarazioni di Tsipras e capirete che nonostante la sua impreparazione nel guidare il paese almeno questi rischi li conosce bene.

Pensare che la politica monetaria possa far ripartire un paese é forse la cosa piú spaventosa nascosta dietro a questi ragionamenti. Spread, valore delle monete non sono decisi dalle banche centrali ma da compratori esterni che a seconda dei loro acquisti ne fanno il valore. Un banca centrale puó solo creare inflazione ma se poi nessuno compra i titoli di stato lo spread aumenta indipendentemente.

Il mercato é globale e non é possibile escludersi, o meglio é possibile ma poi nessuno impresterá piú soldi quegli stessi che servono per mantenere Ospedali, Sicurezza, Mezzi pubblici etc. Basta guardare l’Argentina che a 20 anni dal default non si é ancora ripresa ed é sull’orlo di un nuovo collasso.

Ragionamenti cosí poveri sulla svalutazione non possono che far pensare alla politica di fine anni 70 e 80 dove la gestione Democristiana/Socialista/Comunista non ha fatto che continuare a svalutare per poter allegramente spendere sprecare i soldi pubblici. Nessuno si é mai preoccupato di riformare il sistema ma solo di ridurre l’impatto del debito a forza di svalutazioni. Qualcuno era anche felice perchè i Titoli di Stato avevano rendimenti attorno al 10% senza capire che poi tutto veniva inghiottito dall’inflazione e dall’aumento delle tasse. Forse le tasse non aumentavano ma il debito sí e a 40 anni di distanza ne paghiamo le conseguenza, la svalutazione la pagano i cittadini non lo Stato. Adesso stiamo ancora pagando caro quel periodo ma sembra esserci a detta di tanti (ignoranti) molta nostalgia.

…e negli anni 70-80 l’Asia non c’era? Riuscite a fare ancora un altro collegamento? Riuscite a capire che il mondo di oggi è molto diverso?

Non si compete con la svalutazione ma rendendo il paese efficiente ovvero facendo tutte le riforme che mai sono state fatte e che non sembrano interessare ancora a nessuno. Nessuno guarda i dati altrimenti vedrebbe che durante il periodo dell’Euro l’Italia é sempre stata uno dei pochi paesi a crescita bassa rispetto agli altri (che avevano anch’essi l’Euro)? Che sia stata colpa nostra?

Vorrei chiudere con alcune semplici domande per i fans del M5S e di Salvini essendo questi i due partiti che si spacciano a unici difensori delle categorie piú povere:

  • Ma chi pensate colpisce veramente l’inflazione? Le categorie piú povere o quelle piú ricche?
  • Chi soffre di piú un aumento della spesa quotidiana del 20%,30% o 40% in piú? il ricco o il povero?
  • Chi puó spostare all’estero i propri risparmi? Un operaio?
  • Chi NON soffre l’aumento della benzina, del Gas, dell’Energia? un Operaio?
  • Chi NON ha difficoltá con un aumento di 200E sulla rata del mutuo? Un Operaio?

Guardate cosa sta capitando adesso in Russia? L’economia Russa sta forse ripartendo dopo che la sua moneta ha perso il 50% del suo valore? Si parla di almeno 6 anni per poter recuperare la perdita. Pensate veramente che se la stessa cosa capitasse all’Italia avremmo ancora tutto questo tempo dopo la crisi che abbiamo appena passato?

Prima di propagandare teorie basate sul nulla sarebbe meglio informarsi un pó di piú per evitare di creare aspettative poi tragicamente smentite dalla realtá ben diversa da queste teorie di basso livello.

In ogni caso amici M5S o Leghisti non siete soli, tranquilli! L’ignoranza economica a Roma non é purtroppo solo una vostra prerogativa.

Sprechi Italiani: Gli arredi da 22 Milioni di Euro della Regione Piemonte

mole-antonellianaNonostante noi Piemontesi siamo abbastanza parsimoniosi nella gestione dei nostri soldi, non si puó dire lo stesso per la nostra regione e il suo capoluogo. Tanti sono stati i casi conclamati di sprechi pubblici e provate sono le attuali condizioni economiche critiche in cui cittá e regione si trovano.

Le pessime condizioni finanziarie non sembrano peró aver sensibilizzato il controllo dei costi. Il DNA degli amministratori pubblici Piemontesi non si é ancora adeguatamente modificato alla parsimoniositá della loro popolazione. Certo la situazione Italiana non si puó dire certo sia perfetta ma questa sarebbe solo un’inutile giustificazioni benaltrista.

Lo scorso venerdí ho sentito a Focus Economia di Radio 24 [dal minuto 18:40] che la Regione Piemonte in Aprile bandirá una gara d’appalto per il nuovo palazzo della Regione Piemonte relativo agli arredi interni.

Il valore del bando per l’arredamento della nuova sede  si aggirerá su ben 22 milioni di Euro.

Avete capito, ben 22 Milioni per sedie, scrivanie, armadi e allestimenti interni, un prezzo notevole per le finanze della Regione Piemonte e a dir poco strano visti i valori di mercato. Il periodo di crisi e la naturale evoluzione verso una gestione pubblica piú equilibrata non ha prodotto risultati concreti mentre la distanza fra il mondo reale e quello Pubblico Amministrativo continua ad aumentare nonostante il periodo storico di depressione economica.

La Regione Piemonte spende meno per l’affitto dei suoi 23 palazzi che per l’arredo della nuova sede, non male come risultato.

Il palazzo della Regione era nato come ottimizzazione dei costi creando un’unica sede che raggruppasse tutte e 27 le sedi sparse per il territorio. Sicuramente l’iniziativa é lodevole se non fosse che come sempre i prezzi sono lievitati e si sono diretti verso livelli inaccettabili.

L’ottimizzazione ci puó stare ma anche il riutilizzo dell’arredamento poteva essere una strada da considerare invece di acquistare tutto nuovo. Dei 2500 impiegati infatti solo 150 utilizzeranno la loro scrivanie mentre tutti gli altri lavoreranno su sedie nuove di zecca e peraltro costose vista la previsione economica.

Con un rapido calcolo si raggiunge un costo per ogni singolo impiegato di 8800 Euro in soli arredamenti. Senza per forza scomodare l’IKEA é normale che qualcuno si possa chiedere quale tipo di fornitura porta ad un valore del genere. Considerando che con la stessa cifra ci compri una cucina all’IKEA sarebbe bello capire se sono state utilizzate sedie ergonomiche artigianali e scrivanie in legno massello. Si dice che anche l’istallazione di lastre di vetro per suddividere le scrivanie negli open space evitando la perdita di luce puó essere la cause dell’importo ma in ogni caso l’importo totale é piuttosto anormalo.

Il caro Sergio Chiamparino fino a qualche mese fa si lamentava dei tagli Governativi alle Regioni dichiarando possibili perdite in servizi ed efficienza. Mi piacerebbe sentire un suo commento a riguardo visto che nonostante i tagli le spese continuano ad aumentare e l’efficienza sembra non essere di casa a Torino.

Quindi nel mio amato Piemonte dopo le mutande verdi di Cota il tempo delle spese facili non é mai finito. Lo so che il paragone non regge ma alla fine il risultato é sempre lo stesso e chi paga il conto siamo sempre noi.

Non ci resta che aspettare il bando sui sanitari per capire di che pasta sono fatta i nostri amministratori locali.

Fonti:

 

 

 

Il famoso reddito di cittadinanza del M5S: Falso mito a coperture inesistenti

RdCM5SQualche giorno fa mi é capitato di vedere il faccia-faccia fra Bruno Vespa e Alessandro Di Battista andato in onda il 13 gennaio 2015. (qui sotto il video dell’incontro).

Non nutro una grande simpatia per Di Battista ma non voglio entrare nel merito del personaggio né tantomeno nei contenuti molto superficiali della sua intervista.

Quello che mi ha incuriosito é il solito discorso sul Reddito di Cittadinanza (da adesso in avanti RdC) o come correttamente si chiama “Reddito minimo garantito”. Bandiera del programma pentastellato e  continuamente sulla bocca di molti quasi si trattasse di una questione di semplice soluzione.

Il sito La Voce in un suo vecchio post chiarisce il concetto del RdC spiegando che in questa definizione non é praticabile perché avrebbe un costo enorme di qualche centinuaio di Miliardi (circa 300). Troppo spesso il M5S si é dimostrato molto superficiale nei suoi programmi specialmente a riguardo delle coperture economiche delle sue proposte. Non voglio entrare nel merito sull’utilitá o meno del RdC ma non é sempre facile trovare delle coperture economiche in un paese come l’Italia ad alto debito pubblico. Negli anni passati quasi tutti i Governi hanno messo la famosa spending review e la lotta all’evasione come le fonti principali per finanziare i costi ma senza raggiungere nessun risultato rilevante. Gli argomenti deboli sulle coperture hanno infatti sempre caratterizzato molti dei Governi (incluso quello in carica) che si sono dimostrati non all’altezza delle promesse.

Durante l’intervista Di Battista afferma che il RdC é una proposta del M5S con una copertura solida. Viene accusato il Governo di non ascoltare il Movimento anche su proposte utili e fattibili. Secondo Di Battista il costo del RdC é di circa 15 Miliardi e afferma che “I soldi ci sono dovunque”. Secondo il portavoce del M5S le coperture sono state trovate nei seguenti capitoli:

  • Diminuzione spese militari
  • Diminuzioni spese politiche
  • Aumento della tassazione del gioco d’azzardo

BINGO!.

Le facili coperture sono per me sempre fonte di dubbi. L’attuale Governo ha fatto fatica a trovare 2 Miliardi per i famosi 80E e adesso se ne trovano 15 di Miliardi? All’Anno?

Se questo fosse vero vorebbe dire che o il M5S é tecnicamente nettamente migliore di qualsiasi ragioneria di stato o che c’é qualcosa di sbagliato nella proposta.   L’affermazione di trovare i soldi ovunque mi ha fatto un pó sorridere considerando la fonte. Senza basare la mia analisi su sensazioni o preconcetti mi sono deciso a leggere la famosa proposta del M5S sul RdC che potete scaricare al link qui sotto.

PROPOSTA-DI-LEGGE-reddito-di-cittadinanza

Veniamo alle famose coperture con i soldi che si “trovano ovunque”.

I costi della proposta dichiarati nel documento sono di 19 Mld invece dei 15 come invece afferma Di Battista ma questo come sempre é un dettaglio. Cosa volete che sia un errore del 20% ? É solamente una piccola tolleranza di calcolo (per matematici falliti).

Di seguito le coperture ideate dal M5S per questa spesa di 19 Miliardi di Euro. Per le sue dimensioni questa proposta é paragonabile ad una Legge finanziaria. In aggiunta lo sforzo é annuale ció vuol dire che le stesse risorse vanno trovate ogni anno e non solo Una Tantum.

Rendite finanziarie

Vengono riprese e alzate le modifiche alla finanziaria del 2011 del Governo Berlusconi. Alzate le rendite dal 20 al 22 in svariati comparti ad esclusione dei Titoli di Stato. Questo provvedimento sarebbe adesso non piú attuale in quanto il Governo Renzi le ha addirittura alzate al 26% e ovviamente le entrate sono giá state utilizzate dal Governo stesso.

Non sarebbe in ogni caso praticabile accettare queste proposte di aumento della tassazione finanziaria poiché giá obsoleta e appoggiata ad un capitolo giá in uso.

Giochi pubblici

In questa proposta si vede una certa incompetenza. Nelle dichiarazioni di Di Battista si diceva che “si alzava la tassazione sul Gioco d’azzardo” mentre semplicemente si spostano 2,7 Mld derivanti dai giochi pubblici e li si destinano a questo decreto. Senza chiedersi dove sono destinati ora e quali spese non sarebbero piú finanziate. Si spostano e basta. In questo articolo c’é anche un tocco di Tremontismo, l’uomo che tagliava e lasciava agli altri decidere sul recupero dei fondi. Qui il M5S dice semplicemente al Monopolio che dovrá decidere da solo cosa fare per recuperare questa cifra anche operando sui compensi per i punti vendita. Questo ultimo passaggio dimostra che in ogni caso la misura potrebbe avere dei risvolti negativi per i piccoli punti vendita. Con il roboante annuncio dell’attacco al gioco d’azzardo (che poi legale é) si vanno ad attaccare anche i piccoli rivenditori.

Tagli alle spese Militari

Qui la seconda grande imprecisione e superficialitá. Mi sarei aspettato ovviamente un ragionamento un pó piú profondo su dove tagliare la spesa invece si chiede solo al Ministero della Difesa di destinare 2,5 Mld al Ministero delle Finanze. Nessun altro dettaglio e nessun altra voce. Per 3 anni si chiede alla difesa di tagliarsi il 10% delle spese. Percentuale non piccola e non cosí semplice da trovare ma forse tutto é piú semplice agli occhi del M5S. Posso capire lo spirito pacifista o anti-guerra ma cerchiamo di essere seri quando si fanno le proposte.

Pensare che qualcuno possa accettare una proposta cosí ambiziosa e poco dettagliata é semplicemente immaturo.

Tassa sui conti correnti

In questo caso si rafforza la finanziaria del Governo Monti andando ad innalzare le trattenute sui Conti Correnti. Meglio forse non pubblicizzarlo ma c’é un aumento sui bolli che passano dall’1 per mille al 18 per mille. Complimenti se questo é un attacco ai “ricchi”.

  Aumento Tassazione sulle pensioni

Anche se graudale é prevista la creazione di un contributo di solidarietá che coinvolge tutte le pensioni. Il calcolo é proporzionale e parte da un valore dello 0,1% ad un esproprio valore del 32%. Certo si colpiscono le pensioni altissime ma anche quelle normali.

Finanziamento ai Partiti

Il M5S ha sempre accusato i Governi di infilare provvedimenti ad hoc nascosti fra le pieghe di un decreto legge. Bene questa proposta del M5S ne é un esempio. Nell’articoli 91 si cancella il finanziamento ai Partiti in 2 righe nascoste nella proposta per il RdC. D’altronde perché non sporcarsi le mani sullo stesso terreno?

Non sono fondamentalmente contrario alla cancellazione dei finanziamento ai Partiti ma credo sia una legge che non possa essere nascosta dentro questa proposta e di conseguenza non ci si puó aspettare una sua accettazione.

Cambio Aliquote IRPEF

Il M5S non si discosta da quasi tutti i Governi Italiani che hanno nelle tasse l’unica loro capacitá di trovare coperture. In questo caso nella proposta per il RdC si arriva addirittura e con molta tranquillitá a cambiare le aliquote IRPEF. Nello specifico si innalza al 42% la fascia 75.000-100.000 e al 45% quella oltre i 100.000 Euro di retribuzione. Se il tentativo é ancora una volta quello di colpire le fasce piú ricche della popolazione perché si pensa che i ricchi siano le persone con piú di 75.000 Euro all’anno , forse si é un pó fuori strada. Certo é un bell’imponibile e mediamente gli Italiani hanno stipendi piú bassi ma i ricchi sono un altra cosa.

Qui in germania esiste una fascia fra i 100.000 e i 250.000 e non perché i tedeschi siano piú ricchi ma semplicemente perché hanno un’altra percezione della ricchezza.

In ogni caso ci si aspetta che vengano cambiate le aliquote IRPEF solo per questa proposta? Siamo seri.

Tassazione sui “Grandi” Patrimonio 

Viene introdotta anche una nuova tassazione sui vamosi “grandi patrimoni” a partire da quelli maggiori di 1,5 Milioni. Sono esclusi solo i beni immobili utilizzati per l’attivitá imprenditoriali e i Titoli di Stato.

É un vecchio cavallo di battaglia della Sinistra. Bersani ai tempi della sua disastrosa campagna elettorale parlava di 1 Milione. Questi argomenti sono altamente pericolosi ma hanno indubbiamente una presa nell’elettorato.In Italia infatti sembra che le persone piú agiate non paghino abbastanza. La cosa ridicola di questo tipo di idee é che alla fine non vanno ad attaccare i grandi capitali ma bensí la gente comune. Come tutti penso sanno gli Italiani hanno sempre risparmiato e messo i propri risparmi negli immobili. Con un provvedimento del genere si colpisce molto spesso il risparmio confondendolo con il concetto di ricchezza. I benestanti (che non per forza sono esseri spregevoli, disonesti o ladri) devono essere identificati con altri metodi diversi dalle semplici proprietá immobiliari. Alzare la tassazione sui patrimoni puó avere il grande rischio di colpire persone che hanno semplicemente immobili (potrebbero essere anche ereditati) nonostante non abbiano un tenore di vita elevato. Bisogna sempre fare attenzione ad attivare questa caccia alle streghe perché le streghe potrebbero non essere quelle giuste.

Finanziamento all’Editoria

Un’altro grosso taglio presente in questa proposta é relativo ai Finanziamenti all’Editoria che vengono cancellati completamente e ridiretti al RdC. Anche in questo caso viene inserita una norma molto forte nascosta nelle righe.

Presi i soldi degli ammortizzatori sociali e cassa integrazione

In questo semplice articolo tutti i soldi che la Fornero aveva destinato ad interventi di urgenza per la riforma del lavoro e peggiori condizioni economiche vengono tutti spostati nel fondo per coprire il RdC. Il totale é di circa 2,1 Mld in 3 anni.

La riflessione é ovvia: Ma chi ci assicura che questi fondi non servano per gli scopi a cui sono stati destinati. Se per svariati motivi la Cassa Integrazione dovesse aumentare chi la coprirebbe? Domande a cui nessuno penso abbia mai pensato cosí occupato a tagliare di qua e di lá.

In ogni caso anche in questo ci si riferisce agli anni 2014, 2015 e 2016 e quindi la proposta sarebbe giá datata e non piú applicabile.

8 per mille

Tutto l’importo dell’8 per mille non esplicitamente dichiarato andrá al fondo per il RdC.

Nulla da dichiarare ma sarebbe esercizio utile capire a quali capitoli di spesa é attualmente utilizzato per evitare di essere scoperti su altri servizi importanti.

Riflessioni e conclusioni

La proposta del M5S é una finanziaria da 19 Miliardi che ne rende ovviamente difficile l’applicabilitá. Pensare che questi 19 Miliardi debbano essere trovati ogni anno rende la proposta in pratica impossibile considerate la situazione corrente dei conti pubblici.

La proposta contiene molti articoli che si riferiscono alle finanziarie passate e va a spostare interi capitoli di spesa giá allocati. Spesso questi capitoli si riferiscono al periodo 2012-2016 e quindi molte delle voci di copertura sono giá obsolete facendo diventare tutta la proposta non piú “coperta” finanziariamente.

Vengono nascoste inserite nel testo molti dei capisaldi del programma M5S come:

  • Cancellazione del finanziamento ai Partiti
  • Cancellazione dei fondi per l’editoria
  • Tassazione ai patrimoni
  • Soldi per i giochi pubblici
  • Taglio spese Militari

Queste norme vengono inserite fra le righe ma avrebbero bisogno di una discussione piú estesa. Se da un lato il M5S accusa i Governi di nascondere leggi mirate in provvedimenti piú grandi dall’altro si fa la stessa cosa inserendo praticamente tutto il  programma M5S in una proposta di legge.

I vari tagli sono grossolani e consistono sostanzialmente nello spostamento di cifre considerevoli da un capitolo all’altro senza analizzare gli impatti di questi spostamenti. Ridurre la spesa in questo modo é infattibile perché dove si taglia rimangono capitoli scoperti che devono essere ripianati nuovamente a meno che non si dimostri che siano spese inutili.

Sentire Di Battista che afferma di aver cancellato gli sprechi per introdurre il RdC fa capire di quanta poca sostanza queste persone sono fatte al di fuori della propaganda. Nulla differenzia le favole di Silvio dalle favole di Di Battista. Guerra o non Guerra pensare che 2,5 Miliardi alla spesa Militare siano sprechi é solo un punto di vista ma non una veritá assoluta. Questi tagli possono essere anche fatti ma non in questa maniera tramite 2 righe in una proposta.

Viene inoltre aumentata la tassazione sui patrimoni, conti correnti, sulle pensioni, ai salari oltre i 75.000E. Diciamo che il vizio di agire sulle tasse é sempre un’ottima arma per trovare coperture e non é il M5S diverso dagli altri. Questa proposta non é un provvedimento “Robin Hood” perché si continua sempre a colpire la classe medio-alta ma sopratutto la si colpisce nei propri risparmi non nel suo tenore di vita. I risparmi (anche di una famiglia) e le entrate (il tenore di vita) sono due cose molto diverse fra di loro che andrebbe capita a fondo. Posso aver ereditato 2 case dai nonni e 2 dai genitori ma poi non avere i soldi per pagarci l’ICI perché ho un lavoro scarsamente pagato. Non sto parlando di ricchi forse solo di “diversamente fortunati”.

Scrivere macchine di lusso, barche o aerei piace ma non puó essere una misura efficace. Molto spesso questi beni appartengono e vengono dichiarati in paesi a tassazione agevolata. Scrivere queste frasi ha sicuramente un ottimo effetto scenico é ma gli incassi sono poveri ma purtroppo sono l’unica cosa che conta.

La parte molto negativa della proposta é quella relativa agli ammortizzatori sociali che erano stati stanziati dalla Fornero per il triennio 14-15-16. Questi fondi vengono completamente diretti verso il RdC. Chi ha la certezza che non servano?

Grande carenza strutturale delle coperture sta nel fatto che mentre il RdC é un costo annuale alcune coperture sono invece una tantum. Come si fa a mantenere questo RdC per gli anni successivi se i tagli sono giá stati fatti. Se taglio del 10% le spese Militari dove trovo l’anno successivo lo stesso importo di 2,5 Miliardi anche considerando le spese per la difesa immutate? dovrei tagliare dell”11% l’anno successivo, del 12% il terzo anno e cosí via fino alla completa cancellazione della Difesa Italiana. Non sembra molto attuabile o come si dice in gergo tecnico non é una misura “strutturale”.

Dopo aver letto la proposta i miei dubbi sono confermati. Il livello della proposta é alquanto scarsa. La qualitá é diretta conseguenza di quella piú generale del Movimento stesso che continua ad affermare di lavorare e fare proposte mentre nella realtá queste proposte sono lontane anche solo da un buon punto di partenza.

In 2 anni di M5S si sono celebrati successi per emendamenti minimali che sono stati accettati dal Governo in carica. Quando si tratta di fare le cose serie (e questa proposta dovrebbe esserlo) il M5S fallisce. Se una proposta del genere non viene presa in considerazione si tende a pensare immediatamente ai complotti, alla mafia, alla disonestá o semplicemente alla mala politica quando invece é solo un problema maturitá.

Dobbiamo essere realisti e capire che questa proposta e le sue coperture non stanno in piedi. Sono solo il tentativo di inserire un programma intero in una legge.

Sarebbe il caso di iniziare a lavorare seriamente invece di lamentarsi del sistema che non collabora. Io nel lavoro sono abituato ad avere interlocutori seri non perché sono clientelare, mafioso e massone ma perché cosí funziona. Prima ci si guadagna la fiducia e poi si discute.

1 NON VALE 1 e questa proposta ne é la prova. La qualitá dei singoli e il coordinamento del gruppo rimangono le uniche due qualitá per raggiungere qualunque obiettivo. Questo Il M5S non l’ha ancora capito e continua invece a professare la confusione democratica come strada maestra senza peró accorgersi che le decisioni di “pochi” non fanno una democrazia e questi pochi non sono neppure competenti. Il aggiunta lo sregolato rumore di sottofondo non aiuta e non genera sicuramente una sinfonia.

Buona fortuna anche se la strada non é questa. Farsi seppellire da un “ebete” fa sorgere il dubbio su chi sia vermanete l’ottuso.

Non sono disfattista ma questo non é cioccolato

In Italia si ha la tendenza a ragionare molto di pancia senza tenere in considerazioni i reali fatti. Si preferisce prendere un esempio ed immolarlo come regola generale senza verificarne la veridicitá o il suo vero valore in una visione piú ampia. Ci fermiamo davanti al singolo esempio che spesso diventa la giustificazione ad una teoria molto piú ampia.

Questo tipo di approccio ai problemi ha portato in passato a vedere rieletti per piú volte alla guida del notro paese personaggi come Silvio Berlusconi che, commenti personali a parte, non si puó proprio dire che in molti anni di Governo abbia portato qualche sostanziale riforma del paese. Ma di casi come lui ne esistono tanti se non fosse che la sua durata governativa é stata lunga e quindi la probabilitá di cambiamento (in teoria) doveva essere piú alta.

Gli Italiani nonostante non ci fossero risultati misurabili si fermavano alla solo propaganda dei nuovi posti di lavoro,delle meno tasse, dei ristoranti pieni, del non c’é crisi senza accorgersi che non aumentava l’occupazione, la tassazione non diminuiva, c’era un calo del mercato della ristorazione e sulla crisi penso non ci sia (adesso) altro da dire.

Personalmente mi ricordo di molte persone che nel 2008-2009 negavano il fatto che ci fosse un problema e riproponevano le stesse giustificazioni sentite alla Televisione ottimista. Erano convincenti e probabilmente per ottimismo si preferiva vedere il mondo cosí.

Perché dico tutto questo? La scorsa settimana dopo un mio post sulla classifica mondiale della corruzione ho ricevuto commenti che mi accusavano di essere negativo e disfattista, che in Italia siamo solo capaci a criticare e che invece le cose non sono cosí brutte come si dipingono. La critica era basata sul fatto che non tutto é cosí negativo ma esistono sono delle positivitá da esaltare. A tal proposito spuntava l’esempio basato sulla “matematica di mio cugino” ovvero come scrivevo prima il prendere un singolo esempio come media di analisi generale. Io non escludo le eccellenze e so che esistono perché l’Italia é piena di persone valide ma il sistema in media é in degrado. Posso dirlo?

Lo ammetto: per me un Pessimista é un Ottimista con esperienza quindi non mi posso sicuramente mettere fra le persone che vede la vita sempre in discesa ma invece di definirmi pessimista in senso stretto preferisco semplicemente descrivere (con i dati) quella cosa marrone che ho di fronte: Se so che non é cioccolato é inutile fingere. Inutile nascondere sotto la sabbia i problemi perché questo non aiuta e l’andamento dell’Italia ne é la prova.

Nonostante per molti aspetti le cose in Italia non vanno bene ma quando si critica si diventa “gufo”. Nessuno (intendo la classe politica di ogni colore) fa qualcosa per dare una sterzata. I motivi non li conosco ma quello che é sicuro é che in un periodo critico come questo invece di essere consapevoli dei propri problemi si preferisce cercare un nemico all’esterno che va dall’Euro all’Europa passando per la Merkel a Junker, la massoneria e le strisce chimiche degli aerei.

Quello che forse non é chiaro in quello che scrivo é che non ho un calo di orgoglio nell’essere Italiano. Io amo la mia Italianitá e apprezzo l’Italiano per le sue qualitá che pochi altri hanno in Europa. Sono invece fondamentalmente nauseato di quanto il nostro sistema pubblico sia cosí indietro non soltanto rispetto all’Europa ma anche rispetto a paesi ben lontani dai nostri standard.

Da Italiano emigrato non giudico gli Italiani perché sono il primo che tornerebbe domani. Sono il primo che non ama il paese in cui vive adesso (la Germania) ma che riconosce l’immenso divario della sua macchina pubblica rispetto a quella Italiana. E il grosso divario fra gli Italiani e i Tedeschi questa volta a favore nostro.

Ma tutti questi bei ragionamenti di cuore nulla spostamento i numeri Africani del nostro Sistema Pubblico. Io sono incazzato per un sistema che sta piano piano sprofondando nel nulla portandosi dietro tutti gli sforzi fatti dagli Italiani negli ultimi 60 anni.

Facciamo per esempio un elenco di quanto c’é di positivo in Italia:

  • L’Italia fino a prova contraria é la 3a/4a economia Europea
  • L’Italia é un paese fatto di piccoli imprenditori dinamici e coraggiosi
  • L’Italia é fatta di lavoratori che ogni giorno mettono nella loro attivitá piú energia di quanto farebbe per esempio un omologo tedesco.
  • L’Italia é un paese dove le persone sono abituate a ragionare e a trovare sempre una via alternativa di fronte ad un ostacolo.

In Sintesi: L’Italia é un sistema imperfetto dove peró lo sforzo dei singoli riesce a compensare molte delle lacune e questo é il piú grande pregio degli Italiani. Ovviamente é piú difficile essere bravi in un sistema imperfetto che in uno perfetto e questo non puó che essere che una qualitá degli Italiani e del loro approccio alla vita ma purtroppo non é positivo dover lottare ogni giorno contro le inefficienze del proprio Stato.

Quindi sono piú che conscio delle nostre qualitá ed é proprio questo il punto e la causa del mio “disfattismo”. Tutte queste qualitá sono ogni giorno messe alla prova da un sistema paese che sembra non in grado di aiutare i propri cittadini a stare meglio. La nostra Macchina Pubblica é il vero cancro che sta distruggendo tutto.

Quello che scrivo é quello che succede:

  • Tassazione troppo elevata sempre in continuo aumento
  • Burocrazia lenta e complessa che non aiuta privati e aziende ma diventa un freno per ogni cosa
  • Giustizia lenta e imprevedibile che non rende certa la pena. É proprio di oggi per esempio la notizia che nel caso Garlasco Alberto Stasi é stato condannato a 16 anni dopo due sentenze di innocenza. Non sono un giurista ma qualcosa forse non funziona, se questa sentenza é corretta le altre due? o viceversa. La giustizia é fondamentale diritto dei cittadini e nel nostro paese si vedono cose che da nessun’altra parte accadono. A voler garantire troppo alla fine non si garantisce nulla.
  • Assenza totale di meritocrazia a molti livelli e relativa incompetenza diffusa nell’ambito pubblico.
  • Spesa Pubblica inefficiente e in continua crescita
  • Il tutto contornato da uno Stato che nonostante la sua totale inefficienza vuole controllare ogni aspetto del mondo privato rovinandolo inesorabilmente o nel migliore dei caso diventando un costo inutile.

Il tutto é stato ben riassunto qui come prova che tutti i fattori esterni come Euro e Europa non hanno colpe sui nostri problemi interni.

Questo non é disfattismo questo é semplicemente indicare chi sono i responsabili con delle prove inconfutabili e spurie da ogni discussione da bar o da Salvini (che poi é la stessa cosa).

Perché mi incazzo?

Peché di tutta la lista di veri problemi che affligge l’Italia la nostra classe politica sembra immobile da decenni. Indipendentemente dal colore politico, in Italia sembra impossibile fare riforme che in altri paesi sono state fatte in pochi mesi. Perché? Perché da noi l’unico approccio rivoluzionario é guidato da un comico e da un banda di visionari lontani dalla realtá che non propongono soluzioni ma aumentano solo il rumore di sottofondo senza valore aggiunto? Perché da noi nessuno é capace di cambiare il finto cioccolato?

Credo che gli Italiani si meritino un sistema migliore che gli aiuti a risolvere i propri problemi non ad aggravarli. In Germania il sistema pubblico (nonostante sia criticato anche qui per inefficienza) lavora per i cittadini ed é anni luce lontano da quello Italiano. Qui non si aspettano anni per una condanna, qui non si aspettano anni per un permesso, qui per il primo problema serio si va dal giudice e la situazione si risolve in tempi stretti. Da noi ci si butta in cause inutili ma la giustizia non puó essere utilizzata per difendersi quando serve veramente. Chi si butta in una causa civile che sa che costerá molto durerá moltissimo e i possibili benefici si avrebbero troppo tardi rispetto alle reali necessitá?

Spesso come dicevo la voglia di controllo del sistema pubblico determina anche perdita di competitivitá in settori privati. Proprio ieri mi é capitato di fare un’analisi della velocitá di accesso ad Internet fra alcuni paesi Europei.

Qui sotto i due grafici che rappresentano la percentuale di utenti nelle 2 bande di accesso 2Mbps-10Mbps e 10Mbps-30Mbps. Ho tralasciato per rispetto le velocitá 30Mbps-100Mbps ma se fossi veramente disfattista le avrei messe.

EU Accesso Internet 10-30MEU Accesso Internet 2-10M

A parte la mia negativitá qualcuno mi spiega perché siamo fra i paesi in Europa dove la velocitá di accesso Broadband é piú bassa e gli investimenti nulli? Nel 2014 abbiamo ancora l’80% della popolazione con una velocitá media di accesso secondo Akamai di 5.2Mbps, mentre nemmeno il 20% va oltre i 10Mbps (lasciatemi pensare che sono i clienti di Fastweb). A casa mia in provincia di Torino non ho disponibilitá di ADSL perché sono esauriti i pochi accessi a 600Kbps di download (600 KILOBITPERSECONDO ovvero 0.6 MEGABITPERSECONDO). Nel 2014? Sono almeno 8 anni che sono esauriti e Telecom Italia non ha mai fatto un investimento. Sono disfattista?

Questo é il tipico esempio di impatto dell’inefficienza pubblica nel settore privato. Il settore pubblico deve ovviamente investire nel Broadband poiché é servizio chiave ma nel nostro paese fra investimenti inesistenti, Authority che non liberalizzano e Telecom Italia a stampo pubblico e controllo politico: Questo é il risultato finale. Se non fosse per Fastweb forse la banda media sarebbe ancora piú bassa.

Sempre un disfattista? A Voi sembra cioccolato?

Esistono delle ragioni per cui tutti gli altri paesi sono migliorati e noi no. Ma senza guardare alla solita Germania guardiamo a Polonia, Spagna, Ungaria. Come mai loro ce l’hanno fatta? Sempre l’Euro, l’Europa e la Merkel? Ho qualche dubbio.

Sulla base di tutti questi problemi (da disfattista), si muove forse qualcuno a risolverli?

A me sembra che si parli di Italicum o mattarellum come fondamentali acceleratori di crescita? O il falso problema dell’immigrazione? Sono queste le prioritá di un paese in crollo? Posso incazzarmi per Lady Like? Sono forse disfattista?

No! Mi sono stufato di vedere ancora degli spettatori presi ad ascoltare l’orchestra del Titanic. (Ops ho detto Titanic: Disfattista).

Non pretendo di avere ragione ma se le cose scritte sono lontane dalla realtá allora fatemi capire cosa serve a questo paese e quali sono i suoi veri problemi. Solo una cosa vi chiedo per favore, con tutto il rispetto per vostro cugino, lasciatelo fuori dalla discussione.