Io sto con l’agente Tortosa ma non per questo devo essere per forza fascista

E ci risiamo tutti divisi di nuovo fra Guelfi e Ghibellini, Rossi e Neri, la solita inutile discussione fra “comunisti” e “fascisti”. Chi 100% contro, chi 100% pro senza nessuna riflessione, si giudica solo per “partito preso”, l’ideologia che fotte.

Mi riferisco al caso dell’agente di Polizia Fabio Tortosa sospeso dal suo incarico a causa delle frasi scritte sul suo profilo Facebook. Fabio Tortosa é stato uno degli agenti del VII Nucleo, unitá del reparto mobile di Roma creata appositamente per il G8 di Genova del 2001. Proprio questo nucleo é stato chiamato ad agire nella famosa notte in cui é stata attaccata la scuola Diaz e i suoi occupanti.

Fabio Tortosa ha scritto sul suo profilo Facebook:”Io sono uno degli 80 del VII NUCLEO. Io ero quella notte alla Diaz. Io ci rientrerei mille e mille volte”.

.. e si é scatenato l’inferno. Idiozie su ogni fronte e ognuna di esse nettamente schierata ma nessuno sembra riuscire a sedersi per ragionare. Dai piú famosi all’ultimo dei moicani che scrive su Facebook le posizioni erano nette: “Fascista bast.. ” o “Vi sta bene comunisti di m…”.

Nomi famosi come Gramellini che nel suo “Mio Diaz”  scrive: ” …si comprende il clima che si respira in certe frange minoritarie della polizia di Stato. Loro sono i Buoni, costretti a difendere dal disordine del mondo la cittadinanza ingrata e smidollata che li contesta, ma felici di farlo per amore di Patria“.

Certo Gramellini “minoritarie” per evitare querele ma la Polizia usa picchiare ingiustamente ed é fascista, giusto?

Oppure il sempre “acuto” Saviano (a volte riesco ad essere anche ironico) che nella sua onnipotenza sentenzia ” Concordo con Pansa: Il Web non puó essere parole in libertá“. Fantastico a seconda di chi scrive possiamo permetterci di introdurre il reato di opinione. Congratulazione Saviano ottimo esempio di libertá di espressione, lo stesso trattamento che Berlusconi applicava a Biagi e Santoro.

Poi passiamo dall’altra sponda (quella dei “comunisti di m…”) dove troviamo un folto gruppo di supporters del Poliziotto … a prescindere. Perché in Italia é necessario stimolare e raccogliere consensi fra la parte della popolazione destrorsa e forcaiola. La lista é lunga ma mi piace nominare come rappresentanti significativi due grandi menti dell’attuale pensiero politico della Destra Italiana: Matteo Salvini e Daniela Santanché. Entrambi subito schierati con le solite frasi ad effetto che trasudano della stessa stupiditá di Gramellini e Saviano.

Il Caso Diaz

Nelle scorse settimane la corte di Strasburgo si é pronunciata sul ricorso dell’allora 62enne Arnaldo Cestaro ferito durante l’irruzione alla scuola. La corte ha definito l’operazione una “tortura” e ha accusato la “Legislazione inadeguata rispetto agli atti di tortura e assenza di misure dissuasive“.

I processi Italiani invece avevano avuto troppe prescrizioni e indulti se si considera il numero di manifestanti feriti dimostrazione di violenze non giustificate da un reale pericolo presente nella scuola.

Tutto ovvio quindi, anche io ero tentato a pensare per una frase fuori luogo del Poliziotto considerata la vergogna che la scuola Diaz aveva rappresentato. Il problema peró é che la Diaz é stata vergognosa ma perché le frasi del Poliziotto sono fuori luogo? Perché tutto questo clamore mediatico giunto addirittura ad una sospensione? ma é tutto così tremendamente corretto?

Sentendo le sue dichiarazioni alla Zanzara di Radio 24 (dal minuto 46:00) il Poliziotto afferma di essere intervenuto legittimamente per un’azione durata pochi minuti dal suo nucleo e poi continuata da altri Poliziotti. “Mille volte alla Diaz” vuol dire secondo la spiegazione di Tortosa che se gli si chiedesse di nuovo di fare un’operazione del genere la rifarebbe. La rifarebbe semplicemente perché era il suo lavoro ed era un’operazione normale di ordine pubblico. Operativamente normale. La degenerazione dice l’agente, non é stata causata del suo nucleo ma di altri in ogni modo lui era giá stato allontanato dal luogo. Non sentendosi parte del pestaggio alla Diaz il Poliziotto non puó che vedere la normalitá della sua azione di Ordine Pubblico.

Vero non vero? Pure menzogne? Perché Io dovrei pensare in automatico che un agente di Polizia ha torto? Sono forse un fascista se voglio credergli?

Idiozie…

Tortosa deve solo scusarsi (e lo ha fatto) per le frasi scritte a riguardo di Carlo Giuliani ma poi per tutto il resto sono solo opinioni. Fasciste? A me non sembra, penso piuttosto che una persona sia libera di rivendicare il proprio ruolo nell’Ordine Pubblico specialmente se non si sente colpevole di crimini.

Voglio pensarla cosí per rispetto verso chi lavora nelle Forze dell’Ordine.

Voglio pensarla cosí perché non mi piacciono le persone dell’altra “sponda”  come Vittorio Agnolettola sua cultura del complotto (dal min 41:55) e il suo pacifismo fatto a modo suo. Persone che vedono negativo qualunque cosa appartenga alle Forze dell’ordine o al Sistema Pubblico, a prescindere. Persone con una visione malata di un sistema occulto che controlla tutto il mondo, lo stesso sistema che a Genova ha cercato di distruggere il suo movimento No Global. La Polizia che a Genova in accordo con gruppi di Black Block ha provocato e guidato gli incidenti per distruggere il suo movimento insieme ai servizi segreti. Questo non é forse pensare che tutto quello che é Stato é male? Io non la voglio pensare cosí, se Tortosa é fascista allora Agnoletto ha dei seri problemi mentali o almeno é un pó troppo eccentrico. Il mondo capitalista che voleva sopprimere il suo movimento No Global? …e non provate a dire che non é vero “stupidi ignoranti”.

Sono stufo di queste teorie e di queste persone che che semplificano il mondo a botte di ignoranza.

Alla fine di questa eterna lotta fra il “bene” e il “male” Fabio Tortosa e il suo collega Antonio Adornato di Cagliari che aveva messo un like sul post di Tortosa sono stati sospesi. Un post e un like su Facebook hanno generato una sospensione per due Poliziotti.

Tutto Normale?

Sembra di sí perché sono tutti a brindare per la libertá (libertá?), per il fascista a casa, per il torturatore finalmente stanato. Nessuno invece a pensare che forse tutto questo clamore mediatico non ha senso, non ha una vera e concreta sostanza, una vera ragione per muovere dal Ministro degli Interni al Capo della Polizia.

Le reazioni sclerotiche degli pseudo difensori della libertá di pensiero che bloccherebbero Facebook a tutti quelli che non la pensano come loro, tutto fottutamente normali. Io un mondo così dove i media e la stupidità generano queste reazioni non lo voglio. Tortosa dichiara dopo la sua sospensione (dal min 9:55) che é stata una vittima del clamore mediatico ma che capisce le ragioni del Ministero degli Interni e della Polizia.

Io invece no, non le capisco, Tortosa colpevole di che cosa? Solo della paura politica dei nostri rappresentanti di Stato, troppo alta da preferire la consegna della vittima sacrificale ad un popolo che obiettivamente non ragiona. Non é Tortosa il responsabile della Diaz e puó legittimamente pensare che l’operazione fosse ben organizzata e pianificata per la parte di sua competenza. I messaggi nascosti li lascio ad altri.

Non bisogna scandalizzarsi di Tortosa e delle sue frasi su Facebook perché altrimenti sarebbe sospesa una grossa parte delle Forze di Polizia e verrebbe indagato il 70% della popolazione Italiana.

La Diaz é stata sporca, disgustosa, vile molto probabilmente premeditata. La giustizia non ha punito abbastanza responsabili che probabilmente avrebbero meritato una pena ma che colpa ne ha Tortosa? Alla fine a processo c’era solo il VII Nucleo, c’erano solo questi agenti, sono forse gli unici responsabili?

No, la Diaz andava in coda ad una pessima e vergognosa gestione dell’ordine Pubblico ad alti livelli. Il Ministero degli Interni, gli alti comandi della Polizia e Carabinieri non hanno portato a casa grandi risultati anzi solo feriti, disordini, un morto, una cittá messa a ferro e fuoco che non resteranno sicuramente negli annali della storia d’Italia.

Claudio Scajola era il Ministro degli Interni, Giovanni De Gennaro il Capo della Polizia durante il G8 di Genova. De Gennaro lo scorso anno é stato promosso a Presidente di Finmeccanica mentre Scajola ha avuto dei guai gudiziari ma nulla a riguardo della sua gestione del G8.

Tutto normale?

No non è tutto normale, non si può essere tutti contenti della sospensione di Tortosa. Il picchiatore professionista? Un uomo che non si puó permettere di commentare o di essere nervoso per essersi sentito insieme al suo gruppo gli UNICI responsabili alla sbarra?

In Italia si paga sempre dal basso. Tortosa che normalmente guadagna 1400 Euro passerá a 700E causa sospensione. É sposato, ha due figlie.

Questo invece è tutto normale? Certo che lo è perchè è solo uno “sbirro di m… ” Giusto Ipocriti?

Tutto bene lui NON é un lavoratore lui é un picchiatore di Stato. Lui é il resposabile della vergognosa operazione Diaz, perché come é noto in Polizia e Carabinieri non si seguono gli ordini ma si agisce in autonomia.

La mia non é una difesa degli atti violenti di cui le Forze dell’Ordine sono spesso (troppo spesso) accusate ma é un rifiuto per questa anomalia solo Italiana dove tutti si felicitano per un lavoratore sospeso solo perchè Poliziotto. Tortosa NON ha infranto nessun regolamento o legge, la sua sospensione serve solo a placare la “voglia di giustizia” di un popolo schierato. Un popolo che difende il lavoro e i diritti ma é pronto a cancellarli immediatamente per determinate categorie.

Mi spiace deludervi ma quando queste categorie sono proprio le Forze dell’Ordine Io mi incazzo. Gli errori ci sono un pó ovunque ma sicuramente non abbondano lì a meno che qualcuno mi dimostri il contrario. Nessuno giustifica gli errori ma non é possibile che ci si debba sempre schierare contro senza nemmeno riflettere. La divisa non è una vergogna. La divisa é un lavoro difficile, mal pagato che spesso non dá nemmeno grosse soddisfazioni. Ma piú importante é che la divisa é sinonimo di ordine, disciplina e gerarchie non sinonimo di anarchia. Se qualcuno agisce non lo fa per scelta autonoma ma chissa come mai poi deve pagare da solo come se le scelte fossero state sue. Lo Stato e i suoi alti rappresentanti si nascondono troppo facilmente quando invece dovrebbero difendere i propri uomini.

Nessuna legge é stata infranta, nessun movimento neo Fascista é in costruzione ma sicuramente la dignitá di 2 lavoratori é stata tradita.

La mia posizione sul G8 di Genova giusto per chiarire.

  •  La scuola Diaz. Un’azione vile organizzata quasi a vendetta di altri scontri. Le ragioni dell’operazione e i suoi metodi non possono trovare motivazioni. Un grosso errore di gestione della Polizia ma questo continua a non aver nessuna legame diretto con i singoli.
  • Il processo alla Polizia sul caso Diaz. Un processo che ha coinvolto solo il basso come se i responsabili fossero i singoli agenti. Un processo che puó sicuramente aver offeso Agenti come Tortosa perché forse non potevano essere gli unici responsabili. I grandi sono rimasti impuniti anzi direi che sono stati anche promossi. In uno Stato sano le alte cariche dovrebbero immediatamente perdere il proprio incarico per manifesta incapacità, non spostarsi verso altre importanti cariche ma cosí non é nella clientelare Italia.
  • Carlo Giuliani. Un ragazzo sfortunato ma che stava agendo in maniera violenta. Non riesco a giustificare un uccisione ma nello stesso tempo non posso chiamare “pacifista” una persona che coperta di passamontagna agita un estintore verso un veicolo dei Carabinieri.
  • Il Carabiniere che ha sparato a Carlo Giuliani. Un ragazzo sfortunato come Carlo che si é trovato nel mometo sbagliato nel posto sbagliato e con la preparazione sbagliata.Non é abuso ma terrore che spesso fa brutti scherzi. Non é lui il killer ma chi ha permesso che una camionetta dei Carabinieri si trovasse isolata e circondata. Chi ha sparato a Carlo non è il ragazzo con la pistola ma chi dall’ alto aveva una pessima capacitá di gestire dell’Ordine Pubblico. I singoli anche in questo caso non sono i diretti responsabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *