Perché le TV 4K non sono un un buon acquisto?

ultra-4

Il video a Ultra Definizione (UHD) meglio conosciuto come 4K é uno dei maggiori trend nel mondo della tecnologia. Il suo passo é ormai ben definito e solido, basta dare un’occhiata ad un qualunque rivenditore di elettronica di consumo per accorgersene.

Nonostante contenuti e fornitori di servizi video 4K siano rari e in molti paesi ancora inesistenti la voglia di Ultra definizione degli utenti sembra essere giá inarrestabile.

Ma tutta questa disponibilitá di TV 4K ha veramente un senso per l’utente?

Perché acquistare un Televisore 4K?

Ovviamente senza la possibilitá di usufruire di contenuti l’acquisto non ha senso ma sicuramente a breve i servizi saranno disponibili via satellite e in alcuni paesi anche via broadband (l’Italia per questo dovrá aspettare ancora qualche anno) e quindi l’acquisto sembra avere una ragione.

La mia convinzione da uomo tecnologico é ovviamente che il 4K é un inevitabile passo tecnologico ma sui Televisori 4K continuo a mantenere alcune riserve.

Non é mia intenzione negare l’innovazione tecnologica ma é necessario puntualizzare alcuni aspetti che spesso non vengono menzionati quando si parla di 4K. Questo post su CNET mi ha fatto riflettere molto su tutti quei fattori che nessuno tiene in considerazione quando parla di TV 4K ma che sono importanti per capire i suoi reali vantaggi.

Partiamo da questa semplice e nota rappresentazione grafica che confronta le dimensioni in termini di pixel dei vari servizi video. Dai vecchi formati a bassa risoluzione (DVD) fino al Full HD (1080p) e al 4K.

resolution-4k-ultra-hd-size

L’immagine mostra in maniera chiara la differenza di fondo fra i vari formati ovvero: “Qual’é la dimensione dello schermo necessaria per apprezzare le differenze fra il 4k e il semplice Full HD?”

In linea di massima il 4K ha una definizione quattro volte piú grande e quindi a paritá di dimensione dei pixel lo schermo potrá essere 4 volte piú grande.

Questo nella realtá non capita poiché le TV 4K sono mediamente piú grandi ma riflettono le stesse dimensioni dei formati Full HD. In termini di risoluzione cosa impone questo fattore secondo le riflessioni di Geoffrey Morrison autore del post rivelatore?

Impone una veritá indiscutibile ovvero che per poter notare le differenze fra una tecnologia 4K e un Full HD bisogna avere schermi di dimensioni molto maggiori oppure guardare lo schermo a distanza ravvicinata. Puó sembrare una battuta di cattivo gusto ma é proprio cosí per limiti fisici del nostro occhio. Il paragone piú calzante é “a quale distanza dalla sabbia riesco a notare i granelli di cui é composta?”

La fisica non é un’opinione nemmeno nel 4K e qui sotto il grafico che mostra la distanza a cui si ha il massimo beneficio della varie tecnologie video e relative dimensioni dello schermo.resolution_chart-4K-HD

Il grafico ci dice che per notare la migliore qualitá del video 4K bisogna essere piú vicini allo schermo rispetto alle risoluzioni piú basse. Se la distanza non puó essere aumentata (il salotto di casa) bisognerá comprare un televisore con dimensioni maggiori altrimenti il prezzo extra per il 4K non dará benefici visibili.

Per chiarezza di unitá di misure ho trasformato in metri l’interessante “Calcolatore 4K” che ci fornisce le distanze minime e massime in ogni risoluzione e per le diverse dimensioni di schermo che servono ad apprezzare la differenza di qualitá fra i diversi formati.

4K Calculator

Cosa ci dice questa tabella?

Che se un utente ha un Televisore HD da 49 Pollici dovrá guardare il suo video HD ad una distanza minima di 2 mt e massima di 3mt. Diciamo la distanza media fra divano e schermo. Nel momento in cui l’utente deciderá di passare al formato Ultra HD 4K mantenendo la stessa dimensione dello schermo (ma spendendo almeno un 20% in piú) per poter notare la differenza di risoluzione dovrá spostare il divano di un metro piú vicino allo schermo, esattamente ad un minimo di 1mt e ad un massimo di 2mt. Se mantiene la stessa distanza di prima NON potrá visivamente notare la differenza se non fosse per una pura suggestione di marketing o convinzione personale dovuta alla spesa appena sostenuta.

Se l’utente decide invece di godersi il 4K senza spostare il divano allora con la stessa distanza dovrá passare ad uno schermo di circa 100 pollici (il doppio) con il suo non indifferente costo (attorno ai 25.000 Euro) e relativo ingombro.

Sará questa la tendenza del mercato, i 100 pollici? Assolutamente no, gli utenti compreranno televisori 4K con le stesse dimensioni dell’esistente HD e molto probabilmente per la maggior parte con formati attorno ai 42/50 pollici. La teoria ci dice che con queste dimensioni dovrebbero guardare il video ad una distanza minima di 80 cm e massima di 1,5mt. Questo non accadrá mai perché gli utenti non sposteranno mai il divano cosí vicino (in questo caso eliminando anche il tavolino) e il vantaggio qualitativo non arriverá mai.

E allora perché si spinge per il 4K ?

Secondo l’autore (e concordo sulla visione) perché é una tecnologia relativamente facile da produrre partendo dal Full HD. I produttori possono con pochi aumenti di costi vendere un prodotto ad un prezzo piú alto. I produttori giocano solo sulla quantitá di pixel che puó essere semplicemente ricavata dagli esistenti Full HD. Se ho una grosso schermo da 84 pollici posso produrre 4 televisori a 42 pollici Full HD oppure un televisore ad 84 pollici 4k senza grosse differenze in termini di elettronica di controllo.

Cosa  NON fanno i produttori 4K?

Non investono in quelle innovazioni che invece darebbero valore aggiunto al 4K rispetto agli esistenti Full HD e quindi: il contrasto, il colore, la compressione, la risoluzione nel movimento etc ma che imporrebbero una nuova elettroica (e costi piú alti inizialmente). In pratica da un punto puramente qualitativo i prodotti 4K giocano solo sulla risoluzione ma non sulla vera qualitá dell’immagine. In ambito fotografico sarebbe come comprare una nuova macchina fotografica digitale con una risoluzione migliore ma con la stessa sensoristica. Nessun vantaggio se non la dimensione delle foto.

Altri limiti.

I televisori 4K hanno inoltre limiti nella connettivitá. L’interfaccia HDMI (High Definition Multimedia Interface) con cui si collega la sorgente 4K al televisore é giá al limite di utilizzo. La sua velocitá puó gestire al massimo una risoluzione di 4,096×2,160 pixels ad una veocitá di 24fps (Frame Per Second). Quindi con le attuali interfacce HDMI 1.4 siamo giá al limite di utilizzo del 4K e la versione HDMI 2.0 non sembra essere ancora pronta.

Conclusioni

Il 4K é una tecnologia inevitabile e il suo sviluppo é in atto. La corsa é giá frenetica senza peró avere i requisiti giusti per poter esaltare la sua differenze con le tecnologie HD esistenti.

I contenuti arriveranno ma inizialmente non avranno una risoluzione nativa a 4K. Tanti attori si stanno comunque affacciando a questo mercato vista la grande richiesta di video degli utenti. Anche le reti saranno fortemente impattate dall’arrivo del 4K che richiede investimenti per la qualitá piú alta (La banda richiesta per un singolo streaming 4K é di 45Mbps circa)

É il caso di comprare una TV 4K?

Se avete i soldi per permettervi un 100 pollici a 2 mt dal divano sí, altrimenti state col vostro HD e sarete soddisfatti della stessa qualitá.

Ma allora qual’é il reale utilizzo del 4K?

Nel momento in cui la reale qualitá dell’immagine e no solo la sua risoluzione verrá migliorata é indiscutibile che il 4K aprirá la strada ad una nuova e mai vista “Era del video”.

Come piú volte indicato dal post di CNET la dimensione fá la differenza. Immaginate in un prossimo futuro di avere uno schermo grande come tutta la parete. Immaginate di guardare un film oppure di giocare alla console con una risoluzione pari alla realtá e in quelle dimensioni.

Questo é il 4K e per questo ha un senso, tutto il resto é marketing inevitabile di un mercato che sta crescendo.

La rivoluzione arriverá ma non la vedrete di sicuro a 2 mt dal vostro 50 pollici.

10 thoughts on “Perché le TV 4K non sono un un buon acquisto?

  1. salve, chiedo se fotografando con una reflex fx ad una qualità dell immagine 3184×2120 o superiore, non 4k, riesco a sfruttare la visione sul televisore 4k, in altre parole con un televisore in 4k posso ottenere immagini di foto fatte in alta definizione fatte con una fotocamera che non è in definizione 4k? grazie

    • Sicuramente é possibile guardare foto NON 4K su un televisore 4K come é possibile guardare video HD su un televisore 4K. Una TV 4K é in grado di visualizzare contenuti 4K ma anche contenuti a risoluzione piú bassa molto probabilmente con qualche minimo “sgranamento” quasi impercettibile dell’immagine.

  2. Non so che case ha visto lei, ma mediamente le distanze dal tv al divano sono tutte inferiori ai 2,5m.
    Il 4k è semplicemente un vantaggio per chi ha un normalissimo salotto e vuole comunque un tv di grande polliciaggio. Ovvio che inferiori ai 40″ non ne fanno di tv 4k (non avrebbero senso di esistere e so per esperienza che a chi acquista un tv 32″ del 4k nunglienepofregademeno), ed un 40″ 4k si può tranquillamente vedere ad una distanza di 1,5m o inferiore (distanza normalissima a cui io ho posizionato il mio 65″ con tutto il tavolino), quindi non vedo perché un tv ultra definito, con pixel più piccoli che permettono di avere una visione perfetta anche a brevi distanze non dovrebbe essere un buon acquisto.
    Comunque grazie della tabella delle distanze ottimali, molto utile.

    • Non é che dico non sia un buon acquisto dico solo che c’é molto marketing attorno spesso non giustificato. Il suo 65′ giá non é una misura ottimale per il 4K ma é sicuramente quello che molti compreranno. In generale credo che attualmente non sia matura la tecnologia a livello di codec che le TV 4K hanno a bordo. I costruttori hanno preferito prima “tagliare vetro” per fornire 4K pixels invece che investire nella vera qualitá dell’immagine che non é solo il numero di pixels.

  3. Grazie per articolo e spiegazioni. Ovviamente ora il problema è capire cosa acquistare. Io desidero attualmente sostituire il mio lcd 40 pollici con un 49/50 pollici in quanto la distanza dal divano è aumentata sensibilmente, siamo sui 4 metri. Più grande non ci sta. Ho individuato un ottimo panasonic e un buon Sony, entrambi 4 k, ma sono spaventato in quanto essendo fruitore solo di programmi Sky, temo si possa addirittura vedere peggio rispetto ad un full hd. La controprova l’ho avuta a casa di conoscenti: stesso programma su 49 pollici sini full ha si vedeva meglio rispetto a Sony 4K di dimensioni molto maggiori. La soluzione?

    • Io personalmente starei su una buona qualitá HD invece che saltare su un pessimo 4K. I veri 4K sono comunque cari e in ogni caso 49inch non é una dimensione per 4K (a mio modo di vedere). Ma é un mio parere personale.

  4. Io cambio il mio triple monitor full-hd sulla scrivania e mi godo da 80 cm, il mio futuro 43 pollici 4k con imput lag 20 millisec. gestito con il pc con sli 1070gtx Nvidia.
    ecco un uso giusto per me.

  5. Perdonatemi ma quello che non riesco a capire io, e che oramai da giorni mi assilla è: ma come si vede un contenuto a bassa risoluzione su un televisore del genere? ad esempio, io ho una collezione di dvd, se dovessi comprare una tv 4k potrei vederli? si vedrebbe il tutto a quadrettoni? devo buttare la collezione? è ad es. i filmati a risoluzioni ancora più basse tipo 646×482 e simili dei vecchi programmi o serie tv posso vederli? non sono un fanatico che vuole vedere il pelo nel naso, mi basta poter vedere film serie tv ecc decentemente come accade ora sul mio televisore hd….grazie

    • Non vedo grossi problemi ad utilizzare una TV 4K per supporti video con definizioni piú basse. Molto probabilmente il contenuto non verrá visualizzato a tutto schermo ma l’area del video sará piú piccola. Con qualche settaggio del televisore si potranno portare a tutto schermo con relativa “sgranatura” minima dell’immagine che sicuramente da una certa distanza non dovrebbe disturbare la visione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>