Morire di Troika: Gli agghiaccianti Numeri della Sanitá Greca

Io sono sempre stato critico sulle responsabilitá della gestione politica Greca quanto lo sono per quella Italiana. La Grecia come l’Italia é un paese che nel periodo d’oro dell’Euro non ha saputo approfittare dell’opportunitá per investire sui propri cittadini . La Grecia ha buttato al vento una grossa opportunitá per crescere preferendo continuare a regalare soldi a categorie di privilegiati per soli scopi elettorali. I politici Greci hanno continuato a regalare pensioni a persone che non le meritavano ritrovandosi poi nel momento di crisi ad avere un deficit galoppante.

Questo aspetto della gestione politica Greca é stato il motivo per il quale non ho mai digerito le critiche all’Europa tiranna, alla Germania etc.

Purtroppo peró nonostante ci siano grosse responsabilitá nel sistema politico Greco siamo arrivati ad un punto in cui la popolazione Greca sta pagando un prezzo troppo alto che non é giustificato da nessuna mala-politica.

Oggi mi sono imbattuto in uno sconvolgente documento di una delle piú antiche riviste Mediche: The Lancet e dedicato agli effetti dell’Austerity Europea sulla salute dei cittadini Greci.

Capisco che i tagli imposti dalla Troika fossero dovuto ma esistono metodi diversi per distribuirli sulla spesa pubblica senza per forza impattare i diritti dei cittadini. Quando si vanno ad eliminare diritti universali come l’assistenza sanitaria il taglio non ha piú nessun senso e nessuna giustificazione.

La popolazione greca non puó pagare con la vita le colpe della sua classe politica.

I numeri elencati dal documento del Lancet (che potete scaricare qui TheLancet-Greece’s health crisis from austerity to denialism) sono impressionanti.

La troika ha imposto alla Grecia dei tagli lineari alla sanitá per una percentuale del 6% del PIL. Come se in Italia si tagliassero quasi 100 Miliardi alla sanitá. Una cifra mastodontica considerato un servizio essenziale come la sanitá.

Se la Grecia giá non aveva uno dei migliori sistemi sanitari, dopo l’Austerity il sistema sará quasi azzerato. Attualmente la spesa sanitaria Greca ha giá raggiunto il valore piú basso fra tutti i paesi Europei prima del 2004.

Qui di seguito una sconvolgente sintesi dell’impatto dei tagli sui cittadini:

Accesso ai servizi: I tagli al personale hanno portato inevitabilmente a lunghe liste di attesa che colpiscono fortemente l’accesso ai servizi per la fascia piú anziana della popolazione.

Le zone rurali hanno iniziato a soffrire la scarsitá di medicinali.

Tutti i costi sono stati spostati dallo Stato ai cittadini. Sono stati introsotti dei costi per le visite mediche con il risultato che molti pazienti non hanno piú potuto accedere ai controlli.

HIV e Tubercolosi: Il taglio delle siringhe e dei profilattici per I tossicodipendenti ha portato ad un aumento nel 2012 pari a 32 volte  dei casi di HIV fra i tossicodipendenti. Sono raddoppiati i casi di tubercolosi.

Malaria: I tagli alle municipalitá hanno cancellato i programmi di trattamento delle zanzare con il risultato che sono riapparsi casi di malaria (nel 2014 in Europa).

Medicinali: Il taglio della spesa per l’acquisto dei farmaci é stato di 4.88 Mld nel 2010, di 2.88 Mld nel 2012 e di 2 mld nel 2014. Molti farmaci sono diventati introvabili e i pazienti hanno dovuto pagare di tasca propria. A causa della forte disoccupazione il 70% di loro non ha abbastanza risorse per gli acquisti. In aggiunta le aziende farmaceutiche hanno ridotto le forniture per l’ammontare dei debiti del paese.

Cittadini senza assistenza sanitaria: Il sistema sanitario Greco prevede una copertura per soli 2 anni di disoccupazione. Considerando il prolungato periodo di crisi molte persone si sono ritrovate senza nessun tipo di copertura sanitaria. Si stima che il numero di persone escluse dalle cure mediche siano circa 800000. Una cifra vergognosa per un paese Europeo.

Cure psichiche: In un periodo di crisi economica sono oltretutto aumentati del 120% le richieste di assistenza psichica. La risposta sanotaria é stata di tagli nel 2012 del 55% sugli stessi servizi. Sono quindi aumentati di quasi 5 volte i casi di depressione, del 36% i tentativi di suicidi e purtroppo del 45% le morti causate da suicidio.

L’aspetto piú agghiacciante: Anziani e Bambini

I tagli imposti dalla Troika hanno colpito purtroppo le categorie piú deboli. Proprio le categorie che hanno piú necessitá di assistenza sanitaria: gli anziani e i bambini.

Molte delle persone escluse dalle cure mediche sono purtroppo anziani che per motivi economici non possono piú permettersi controlli e medicinali oppure nelle zone rurali non hanno i mezzi per raggiungere gli ospedali (nel 2014).

I numeri relativi ai bambini Greci sono agghiaccianti e meritano una riflessione. Forse la Troika per prima dovrebbe meditare sugli effetti dei tagli imposti perché quando si colpiscono dei bambini innocenti non esiste piú giustificazione a nessun tipo di Austerity.

Le critiche condizioni economiche delle famiglie Greche hanno immediatamente avuto un impatto negativo sulla salute dei bambini.

Si stima che nel 2007 il 29% dei bambini vivesse sotto la soglia di povertá raggiungendo un vergognoso 31% nel 2011. L’Effetto principale é la denutrizione dei piccoli e le loro pessime condizioni di vita.

Un report delle Nazioni Unite del 2012 evidenzia che in Grecia non tutti bambini hanno accesso ai servizi sanitari. (I bambini). Le ultime misurazioni riportano un incremento del 20% di nascite sottopeso fra il 2008 e il 2010.

Il quasi azzeramento per una grossa fetta delle donne delle cure prenatali ha portato ad un tremendo incremento del 30% di perdita del feto.

Ma il dato che piú fa tremare é relativo alla mortalitá infantile che ha misurato un incremento del 45% dal 2008 al 2010. Mortalitá sia Neonatale per scarsitá di cure durante il parto che post-neonatale per le pessime condizioni economiche.

Numeri che fanno rabbrividire e da padre, piangere.

Riflessioni

I tagli della Troika hanno un senso per ristabilire le spese di un paese ma la dimensione degli stessi ha portato a questi sconvolgenti risultati. I tagli sono in qualche maniera comprensibili ma non possono in nessun modo ledere i diritti universali dei cittadini.

La salute é uno di questi diritti e va garantito ad ogni costo. Questo purtroppo non é successo in Grecia.

I cittadini Greci non meritano questo trattamento.

The people of Greece deserve better.

 Nota: Nel momento in cui il report é stato scritto la delegazione della Troika era tristemente in Grecia per discutere sui successivi 2.66Mld di tagli al sistema sanitario.

 

 

 

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.